iscrizionenewslettergif
Bassa

Ragazza indiana, primo verdetto dell’autopsia: annegamento

Di Redazione4 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La ragazza indiana morta

La ragazza indiana morta

MARTINENGO — L’autopsia ha decretato il primo verdetto sulla morte di Sarbjit Kaur, la 21enne indiana trovata morta giovedì scorso in un tratto in secca del fiume Serio, tra Cologno al Serio e Ghisalba, nella Bassa. Stando ai risultati dell’esame autoptico eseguito questa mattina ai Riuniti di Bergamo, la giovane è morta per annegamento.

Sul corpo della ragazza sono state trovate ecchimosi dovute allo sfregamento con le rocce del fiume, e alcuni tagli ai polsi. La pista prediletta dagli inquirenti resta quindi quella del suicidio per amore. La ragazza era in crisi per una recente delusione amorosa con un connazionale. La famiglia continua a sostenere la tesi dell’omicidio. E gli inquirenti non hanno ancora escluso del tutto questa pista.

La ragazza lavorava per una ditta d’abbigliamento di Martinengo. La vigilia di Natale ha detto ai familiari che sarebbe andata a lavorare per 4 ore. Uscita di casa in auto, una Honda Jazz non ha più fatto ritorno a casa. La sua auto è stata poi trovata all’Oasi verde, un parco sulle sponde del Serio.

Ragazza indiana trovata morta nel Serio: martedì l’autopsia

I carabinieri COLOGNO AL SERIO -- Sarà l'autopsia, fissata per martedì 4 gennaio agli Ospedali Riuniti di ...

Carambola fra quattro veicoli: giovane in prognosi riservata

L'ambulanza BARIANO -- Grave incidente questa mattina sulla provinciale Cremasca nel territorio di Bariano. Un ragazzo ...