iscrizionenewslettergif
Sport

Mercato: Manfredini resta, avviati i discorsi per Corvia

Di Redazione3 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Daniele Corvia

Daniele Corvia

BERGAMO – Discorsi avviati tra Atalanta e Lecce per Daniele Corvia e Matteo Ardemagni. In attesa di capire se la società nerazzurra vorrà affondare il colpo per l’argentino del Novara Gonzalez (servono tra i 4,5 e i 5 milioni) ci sono interessanti sviluppi da registrare per lo scambio di punte tra bergamaschi e salentini.

All’hotel Hilton di Milano, nel pomeriggio di lunedì, c’è stato un incontro tra il direttore sportivo dell’Atalanta Gabriele Zamagna e l’amministratore delegato giallorosso Claudio Fenucci.

I due dirigenti hanno iniziato ad imbastire il discorso riguardante Daniele Corvia e Matteo Ardemagni ma anche se ci sono diversi motivi per considerare vantaggiosa l’operazione per tutti i protagonisti, è evidente come la fumata bianca sia ancora lontana.

Analizziamo la situazione ragionando prima di tutto sulla formula. Se lo scambio avviene alla pari, non sono previsti infatti conguagli in denaro, l’unico accordo logico è la comproprietà.

Matteo Ardemagni è costato 4 milioni scarsi ai nerazzurri, cederlo adesso a titolo definitivo creerebbe una pessima minusvalenza e allo stesso tempo il prestito secco non proteggerebbe il Lecce: se l’ex Cittadella dovesse esplodere in serie A con qualche gol, i salentini a giugno lo perderebbero senza incassare nulla.

Stesso discorso per Daniele Corvia, 17 reti l’anno passato con la maglia del Lecce. Ad oggi, il tecnico De Canio gli ha regalato solo 11 presenze in serie A (con 2 gol) e considerando che il reparto avanzato pugliese è composto da Di Michele, Chevanton, Jeda e Ofere appare palese la poca considerazione per il romano. A Bergamo il classe ’84 potrebbe rilanciarsi e dal punto di vista patrimoniale una comproprietà garantirebbe alla società nerazzurra una posizione paritaria rispetto al Lecce.

Dal punto di vista temporale, ci sono un paio di ostacoli chiamati Bari e Lazio sulla strada dei dirigenti orobici. Se l’impegno con il Grosseto per l’Atalanta è infatti abbastanza lontano, bisogna ricordare che la serie A gioca sia il 6 che il 9 gennaio e che il Lacce ha due gare molto importanti: il derby di Puglia non dovrebbe vedere Corvia in campo dal primo minuto ma tre giorni dopo, contro la squadra di Reja, potrebbero risultare molto utili le velleità romaniste del centravanti cresciuto nel vivaio giallorosso.

Nei prossimi giorni, dunque, i discorsi abbozzati all’Hilton verranno approfonditi ed il coinvolgimento dei rispettivi procuratori diventerà fondamentale per capire anche l’umore dei diretti interessati: non dovrebbero esserci problemi di alcun tipo ma è giusto fare sempre i conti con tutti gli attori in gioco.

Ultima ma non meno importante è la considerazione di Thomas Manfredini. Nonostante qualche scelta di Colantuono (la panchina di Cittadella) e alcuni sondaggi fatti da Lecce, Bari e Cesena dalle parti di Zingonia c’è la ferma convinzione che nessuno dei “big” si muoverà a gennaio: il biondo centrale di Ferrara, quindi, resta a Bergamo almeno fino a giugno.

Fabio Gennari

Colantuono: record di punti? A me interessa la serie A

Stefano Colantuono BERGAMO -- "Bel gioco? Non saprei cosa si aspettano coloro che parlano male della nostra ...

Doni&Ceravolo show a Zingonia: chi al fianco di Tiribocchi?

Fabio Ceravolo ZINGONIA -- Stefano Colantuono lo ripete spesso. "Il lavoro settimanale è importante, capisco da lì ...