iscrizionenewslettergif
Poesie

“Francesca” di Ezra Pound

Di Redazione2 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Venivi innanzi uscendo dalla notte
recavi fiori in mano
ora uscirai fuori da una folla confusa,
da un tumulto di parole intorno a te.
Io che ti avevo veduta fra le cose prime
mi adirai quando sentii dire il tuo nome
in luoghi volgari.
Avrei voluto che le onde fredde sulla mia mente fluttuassero
e che il mondo inaridisse come una foglia morta,
o vuota bacca di dente di leone, e fosse spazzato via,
per poterti ritrovare,
sola.

Buon Natale ai lettori e arrivederci al nuovo anno

images36L’agnello belava dolcemente. L’asino, tenero, si allietava in un caldo chiamare. Il cane latrava quasi parlando alle stelle. Mi svegliai…Uscii. ...

“La bontà” di Madre Teresa di Calcutta

images7Non permettere mai che qualcuno venga a te e vada via senza essere migliore e più contento. Sìi l'espressione della bontà ...