iscrizionenewslettergif
Poesie

“Canzone del maschio e della femmina” di Pablo Neruda

Di Redazione7 dicembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Canzone del maschio e della femmina!
Il frutto dei secoli
che spreme il suo succo
nelle nostre vene.
La mia anima che si diffonde nella tua carne distesa
per uscire migliorata da te,
il cuore che si disperde
stirandosi come una pantera,
e la mia vita, sbriciolata, che si annoda
a te come la luce alle stelle!
Mi ricevi
come il vento la vela.
Ti ricevo
come il solco il seme.
Addormentati sui miei dolori
se i miei dolori non ti bruciano,
legati alle mie ali,
forse le mie ali ti porteranno,
dirigi i miei desideri,
forse ti duole la loro lotta.
Tu sei l’unica che possiedo
da quando persi la mia tristezza!
Lacerami come una spada
o senti come un’antenna!
Baciami,
mordimi,
incendiami,
che io vengo alla terra
solo per il naufragio dei miei occhi di maschio
nell’acqua infinita dei occhi di femmina!

“A una in Paradiso” di Edgar Allan Poe

images5Eri per me quel tutto, amore, per cui si struggeva la mia anima - una ...

“Parabola” di Guido Gozzano

Baby-Reaching-for-an-Apple-aka-Child-Picking-Fruit-1893Il bimbo guarda fra le dieci dita la bella mela che vi tiene stretta; e indugia - ...