iscrizionenewslettergif
Isola

Il Corriere: Yara potrebbe essere stata violentata e uccisa da altri due italiani

Di Redazione6 dicembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il cantiere del centro commerciale

Il cantiere del centro commerciale

BREMBATE SOPRA — Ci sarebbero altri due uomini, italiani, coinvolti nel sparizione di Yara Gambirasio. Lo riporta il Corriere della Sera. Secondo il quotidiano, il nordafricano arrestato ieri con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere avrebbe aiutato a sequestrare e far sparire la ragazza, violentata e uccisa dagli altri due.

Se la serata di sabato ha impresso la prima svolta all’inchiesta con l’avventurosa cattura dell’extracomunitario mentre viaggiava in nave verso Tangeri, la domenica ha segnato un rincorrersi di voci, smentite e mezze conferme fino a delineare un quadro più chiaro in serata.

Lo straniero, ora nel carcere bergamasco di via Gleno, è fermato con l’accusa di sequestro di persona, omicidio e occultamento di cadavere. Nessun cittadino italiano è a sua volta arrestato ma gli inquirenti ipotizzano che l’immigrato non sia l’unico responsabile della sorte di Yara. Alcune frasi del giovane di 22 anni, intercettato al telefono, lasciano intendere che lui sarebbe il complice di due italiani — sulla cui identità ci sarebbe già più di una ipotesi — che avevano prelevato a forza la ragazza per abusarne sessualmente.

Solo successivamente la vittima sarebbe stata uccisa e il cadavere occultato chissà dove. Il pm Letizia Ruggeri dopo l’interrogatorio di ieri si è limitata a dire che il magrebino ha fornito le sue giustificazione. Ma non ha svelato che fine ha fatto Yara, chi siano i due italiani misteriosi, dichiarandosi estraneo alla vicenda.

Yara: il marocchino accusato d’omicidio nega

I carabinieri in azione BREMBATE SOPRA -- E' un marocchino e non un tunisino come trapelato in un primo ...

Yara, lo scoramento della Forestale: non sappiamo dove e cosa cercare (video)

Un cane della Forestale AMBIVERE -- "Non sappiamo più cosa cercare e dove cercare". E' racchiuso in queste parole ...