iscrizionenewslettergif
Salute

Cancro prostata: nuove speranze

Di Redazione6 dicembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ricerca

Ricerca

Nuove speranze per gli ammalati di tumore alla prostata. I soggetti più anziani che non rispondono alla terapia ormonale possono essere responsivi al ketokonazolo, un antimicotico. Lo sostiene uno studio condotto presso la Fondazione IRCCS, Istituto Nazionale dei tumori di Milano e pubblicato sulla rivista “BJU International”.

La terapia ormonale controlla e sopprime la crescita tumorale fino al 90 per cento, tuttavia i pazienti con cancro prostatico in fase avanzata sviluppano resistenza alla terapia ormonale e in generale non sopravvivono per più di 3 anni. La terapia ormonale potrebbe essere affiancata alla chemioterapia, ma in genere l’età avanzata e la compresenza di numerose patologie non consente ai pazienti più anziani di sottoporsi a chemioterapia.

Lo studio, effettuato per ora su un piccolo numero di pazienti, ha permesso di evidenziare come i pazienti possono giovarsi di una bassa dose di ketokonazolo, con pochi effetti collaterali. E’ in embrione un nuovo studio randomizzato sull’argomento, da effettuare su un gruppo più cospicuo di pazienti sui quali verificare l’effetto del ketoconazolo.

Troppa igiene fa ammalare

Igiene Troppa pulizia puo' far male. Uno studio dell'Università del Michigan rivela che l'uso eccessivo di ...

Dolore femminile: più attenzione da parte dei ginecologi

Ginecologo Dovrebbe esserci più attenzione al dolore femminile. E il primo step è di tipo culturale, ...