iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Bergamo

Porta Sud, mancano i soldi: la Provincia apre ai privati

Di Redazione1 dicembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il gigantesco progetto di Porta Sud

Il gigantesco progetto di Porta Sud

BERGAMO — Il consiglio provinciale ha approvato (con i voti della sola maggioranza) l’ordine del giorno di Pdl e Lega che impegna il presidente della Provincia “a proseguire l’esperienza di Porta Sud, in collaborazione con il Comune di Bergamo, la Camera di Commercio di Bergamo, Ferrovie dello Stato, anche modificando la mission e l’assetto societario”.

La mozione è stata presentata su iniziativa del Popolo della Libertà ed è stata successivamente condivisa dal gruppo della Lega Nord. Bocciata invece la proposta avanzata dai gruppi dell’opposizione.

“Le opposizioni hanno strumentalizzato la questione Porta Sud, descrivendo la posizione della Provincia quale disimpegno – ha detto il capogruppo del Popolo della Libertà in Consiglio Provinciale Giuseppe Bettera – Ma così non è. Porta Sud va riletta in funzione delle aspettative della Provincia e allo stesso tempo della situazione di crisi economica globale. Si tratta di un grande progetto che oggi può essere realizzato aprendosi alla sinergia coi privati, perché l’ente pubblico, da solo, non può farcela stante le difficoltà finanziarie”.

“La minoranza ha proposto un ordine del giorno dal quale traspare che Porta Sud verrà realizzata domani: una vera e propria assurdità – prosegue Bettera – Ci vorranno anni, se non decenni, considerata la grandezza del progetto. È chiaro che si tratta di una mossa demagogica da parte di persone che vivono in un mondo parallelo nel quale tutto va bene e le entrate della Provincia sono invariate rispetto agli anni passati. È lo stesso atteggiamento irrealistico che è stato tenuto riguardo al bilancio e alla Variante di Zogno. Credo che, al contrario, Via Tasso non possa sottrarsi alla crisi e che debba amministrare con prudenza e sobrietà, soprattutto dopo gli sprechi del passato. Quello preso per Porta Sud è un impegno realistico preso dal Popolo della Libertà e dalla maggioranza nel suo complesso. Se qualcun altro preferisce sognare, be’, prima o poi si sveglierà”.

La proposta del Pdl, fatta propria da Via Tasso, ricalca le linee guida più volte ribadite dal coordinamento provinciale e condivise dal sindaco di Bergamo nonché dal gruppo consiliare del Pdl a Palafrizzoni.

“L’ingresso in Porta Sud dell’amministrazione provinciale non va visto esclusivamente in funzione della realizzazione della nuova sede della Provincia di Bergamo, ma in relazione al fatto che essa è portatrice, rappresentante e tutrice di rilevantissimi interessi pubblici a livello quantomeno provinciale che proprio a Porta Sud sono legati a doppio filo – ha dichiarato il consigliere provinciale Maurizio Maggioni –. Il riferimento è al polo intermodale, che vede la presenza della stazione ferroviaria, della stazione autolinee, del terminal della tramvia delle valli e, in futuro, il collegamento diretto con la nuova fiera e l’aeroporto di Orio al Serio”.

Universitari bloccano Porta S.Agostino, studenti sul tetto del Natta

Porta S.Agostino BERGAMO -- Durante un corteo studentesco di protesta contro la riforma Gelmini una ventina di ...

Previsioni pessime, Palafrizzoni attiva il piano neve

Palazzo Frizzoni, sede dell'amministrazione comunale BERGAMO -- L’amministrazione comunale di Bergamo, preso atto delle previsioni meteorologiche che indicano per oggi ...