iscrizionenewslettergif
Bergamo

Commercialisti: gli iscritti a Bergamo superano quota 1550

Di Redazione29 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Alberto Carrara

Alberto Carrara

BERGAMO — L’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Bergamo ha tracciato un bilancio dell’ultimo anno e le linee programmatiche per il futuro durante l’assemblea annuale che si è tenuta oggi alla fiera di Via Lunga.

Il presidente Alberto Carrara ha esposto ai soci la relazione programmatica incentrata su quattro punti fondamentali. Il primo ha riguardato il tema del Bilancio di Previsione 2011 che, nella scelta di mantenere la riduzione della quota annuale per i giovani durante i primi cinque anni d’iscrizione, conferma in modo concreto la scelta di attenzione e “investimento” nelle nuove generazioni di professionisti. Ma non solo.

Sempre nel bilancio 2011 è previsto il proseguimento e l’ampliamento dell’attività formativa già intensa e proficua nel 2010. “La formazione – ha anticipato Carrara – è un’attività quotidiana e necessaria di noi professionisti per poter competere sul mercato e dialogare in modo qualificato con imprese ed enti pubblici. Quella offerta dall’Ordine serve ad integrare e completare in modo costruttivo e mirato quanto gestito da ciascuno di noi in modo autonomo ed individuale”.

In generale, nell’anno che si sta per chiudere, l’Ordine ha organizzato, e coorganizzato con altri enti, un totale di 159 corsi/eventi di formazione obbligatoria per complessive 642 ore/credito di cui 187 gratuite. A fronte di un obbligo di garantire 60 ore di formazione gratuita, l’Ordine infatti, nel 2010, ne ha programmate ben 190 di cui 60 fruibili in modalità e-learning.

E per il 2011 (primo del triennio formativo 2011-2013) s’intende continuare in questa direzione grazie all’intensa collaborazione didattica con l’Associazione Fondo Pedroli, e con le diverse istituzioni del territorio: CCIAA; Università; Confindustria Bergamo; altri Ordini Professionali; Tribunale e, in particolare, i Giudici della Sezione Fallimentare; l’Unione dei Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili; l’Unione Giovani Ragionieri; le banche locali tra cui la Banca Popolare di Bergamo e il Credito Bergamasco; il Coordinamento degli Ordini della Lombardia.

L’apprezzamento per la qualità del lavoro dell’Ordine è testimoniato anche dalla continua crescita dimensionale degli iscritti: 1553 in totale nel 2010 a cui si aggiungono i 176 praticanti, di cui 133 tirocinanti commercialisti e 43 tirocinanti esperti contabili. Un dato, questo, che dà soddisfazione ed aggiunge motivazione rispetto agli obiettivi futuri.

Per il miglioramento della qualità e dell’efficienza operativa dell’Ordine, particolare importanza ha assunto nel 2010 il lavoro delle Commissioni istituzionali, organismi deputati all’approfondimento di temi specifici riguardanti l’attività professionale e l’organizzazione di convegni di aggiornamento. Il loro contributo fondamentale proseguirà certamente nel prossimo anno. Una menzione speciale va a quelle “giovani”, costituite cioè nel 2009, che si sono mostrate molto attive: Commissione formazione professionale continua (presieduta da Umberto Gavazzeni); Commissione incompatibilità (presieduta da Claudio Melegoni); Commissione tirocinio professionale (presieduta da Silvia Bassoli).

Da ultimo, ma di grande importanza proprio in ottica di formazione e inserimento di nuove leve professionalmente preparate, è stato l’annuncio del nuovo corso di preparazione all’esame di stato per praticanti. A cavallo tra il 2010 e il 2011, grazie al contributo di alcuni consiglieri dell’Ordine e colleghi che faranno da relatori, sarà infatti possibile offrire ai giovani futuri commercialisti ed esperti contabili una serie di momenti di approfondimento su temi specifici particolarmente mirati all’appuntamento con l’Esame di Stato.

Guardando alle difficoltà di un anno di crisi, com’è stato il 2010, l’auspicio del presidente Alberto Carrara per il futuro è stato quello di una ripresa che vedrà i commercialisti e gli esperti contabili a fianco di imprese ed istituzioni col proprio valido contributo. Perché questo si realizzi, l’Ordine dovrà sempre più rappresentare per i propri iscritti una “casa comune” dove vivere in modo costruttivo ogni aspetto della professione.

Il freddo non frena lo shopping nella Bergamo illuminata

Porta Nuova illuminata BERGAMO -- Nonostante la pioggia e il freddo intenso i bergamaschi non hanno voluto rinunciare ...

Immobili: l’investimento di pregio trascina il mercato

Gli immobili di prestigio trascinano il mercato BERGAMO -- Chi trascina la ripresa del mercato immobiliare a Bergamo? Chi può permettersi di ...