iscrizionenewslettergif
Bergamo

Turista bergamasco assassinato in Brasile: forse una rapina

Di Redazione25 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il passaporto del bergamasco assassinato

Il passaporto del bergamasco assassinato

BRASILIA, Brasile — Lo hanno trovato ai margini di una strada statale, crivellato di colpi di arma da fuoco. Il suo corpo mestamente riverso lungo la carreggiata, a una ventina di chilometri da Maceiò, capitale dello stato brasiliano di Alagoas, nel nordest del Brasile. E’ mistero fitto sulla morte di Roberto Puppo, un turista bergamasco di 42 anni, arrivato nel Paese sudamericano una settimana fa.

L’uomo era ospitato in un hotel sul mare della località balneare, come ha rivelato la polizia locale, che ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Al momento sono ancora ignoti i motivi del delitto, ma l’ipotesi più accreditata dagli inquirenti sarebbe quella della rapina finita male.

Puppo era nato a Bergamo il 7 aprile 1968. Era in Brasile dal 18 novembre, con un visto turistico. Aveva preso in affitto una casa a Maceio. in avenida Alvaro Otacilio, nel quartiere di Ponta Verde.

Il corpo dell’uomo non è ancora stato sottoposto ad autopsia. La Farnesina si è subito attivata mettendosi in stretto contatto con il consolato italiano a Recife.

Ecco il video della tv brasiliana. Le immagini contenute nel filmato sono molto cruente, solo per un pubblico adulto.

Pronto il Piano neve: il Comune schiera nuovi cingolati

Palazzo Frizzoni, sede del Comune, sotto la neve BERGAMO -- In vista della caduta della prima neve, prevista per giovedì notte e venerdì ...

Fiocchi in arrivo: il Comune attiva il Piano neve

I mezzi antineve in azione BERGAMO -- L’amministrazione comunale di Bergamo, preso atto delle previsioni meteorologiche che indicano a partire ...