iscrizionenewslettergif
Università

Gelmini: non votare la riforma è un paradosso

Di Redazione24 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gelmini

Gelmini

“I soldi per l’università ci sono: non votare la riforma adesso che le risorse sono state trovate sarebbe un paradosso”. Queste le parole del ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, rivolte a chi, soprattutto dentro la maggioranza, rema contro il disegno di legge appena approdato in aula a Montecitorio.

“Chi chiede il ritiro di questo testo dopo anni di attese se ne assume la piena responsabilità – avverte il ministro – Il rischio non è che il governo voglia commissariare le università ma che lo facciano le banche di fronte a bilanci che farebbero impallidire chiunque”.
Le disponibilità finanziarie sono ridotte, tuttavia “trovare un miliardo di euro in un momento di difficoltà economica come questo non è stato facile. Voglio ringraziare il ministro Tremonti che nella legge di stabilità ha dimostrato di voler assegnare la giusta priorità al sistema di formazione e valorizzazione del capitale umano”.

Definito “oggettivamente sopportabile” il taglio del 3,7 per cento del fondo per il finanziamento ordinario degli atenei, si prevede “per il 2011, una somma di 800 milioni destinati al fondo di finanziamento ordinario recuperati nella legge di stabilità. Il taglio per il 2010 di 672 milioni è stato ridotto a meno della metà con una riduzione del 3,2 per cento che nel 2011 sarà del 2,5”.

La Gelmini insiste sulla necessità della riforma. Riforma che in effetti ha raccolto il consenso anche della Conferenza dei rettori oltre che della componente studentesca di centrodestra, Azione universitaria. “Non possiamo e non dobbiamo più permetterci le follie del passato recente – conclude la Gelmini – le spese facili, le assunzioni fuori controllo, le promozioni senza copertura, le gestioni mirate ad acquisire il consenso dimenticando responsabilità e priorità”.

La riforma approda alla Camera

Il Ministro Gelmini I soldi per l'Università ci sono, ma sulla riforma pende l'incertezza dei voti del Fli. ...

Bergamo premiata con l’Academic Excellence Award

Il rettore Stefano Paleari Il Centro di ricerca sulla logistica e sui servizi post-vendita (Cels) dell’Università degli Studi di ...