iscrizionenewslettergif
Politica

Il ministro Calderoli: il centralismo favorisce le mafie

Di Redazione19 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Roberto Calderoli

Roberto Calderoli

ROMA — “Chi sostiene che il federalismo possa favorire la criminalità organizzata dimostra con le sue parole di non sapere neppure di cosa sta parlando”. Lo ha detto il ministro bergamasco per la Semplificazione Normativa Roberto Calderoli.

“Il federalismo fiscale e la conseguente autonomia impositiva garantita ai territori in funzione dell’articolo 119 della Costituzione, in essere dal 2001, significano trasparenza, responsabilità e controllo delle risorse, ovvero esattamente il contrario di quello che potrebbe essere gradito alle cosche malavitose” ha proseguito Calderoli.

“Quello che infatti ha favorito la criminalità organizzata in tutti questi anni è stato, viceversa, proprio il centralismo, con l’assoluta deresponsabilizzazione degli amministratori locali sul territorio, che in assenza di un costo di riferimento, come il costo standard che noi invece abbiamo introdotto con la nostra riforma, potevano scialacquare sulla base di trasferimenti a piè di lista, permettendo così alle cosche di sguazzarci”.

“Questo attacco nei confronti del Federalismo – ha concluso il ministro – può essere giustificato soltanto sulla base dell’ignoranza sulla materia, perché diversamente dovrei pensare alla malafede di chi, attaccando i nemici delle mafie, sortisce paradossalmente un risultato opposto e comunque favorevole alla parte politica per cui parteggia…”

Pdl, oscuri presagi sul congresso di dicembre

L'attuale coordinatore del Pdl di Bergamo Carlo Saffioti Non c'è certezza sui candidati. Non c'è certezza sul congresso unitario e tanto meno sul ...

Fontana (Pdl): dalla finanziaria ricadute positive per la Bergamasca

Gregorio Fontana (in piedi) con il collega Giorgio Jannone BERGAMO -- "La legge di stabilità contiene una serie di misure concrete previste dal Governo ...