iscrizionenewslettergif
Bassa

Fema: muro di operai blocca il pignoramento

Di Redazione18 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un muro di operai (immagine di repertorio)

Un muro di operai (immagine di repertorio)

CORTENUOVA — Una vera e propria muraglia di operai ha bloccato oggi l’esproprio dei macchinari dell’azienda in cui lavorano. E’ successo alla “Fema” di Cortenuova, condannata al pignoramento a causa di un debito con l’Inps di 1,9 milioni di euro.

Il tribunale nei giorni scorsi aveva emesso il provvedimento che dava via libera all’azione di Equitalia. L’azienda aveva offerto altre proprietà come garanzia e proposto un piano di rientro.

Stamattina sono arrivati davanti all’azienda gli ispettori di Equitalia insieme ai compratori che dovevano valutare i macchinari eventualmente da rilevare, ma si sono trovati davanti uno sbarramento composto dai 200 dipendenti dell’azienda, che avevano anche chiuso i cancelli con catene e qualche punto di saldatura.

Gli ispettori hanno così rinunciato e sono andati alla caserma dei carabinieri di Martinengo dove hanno sottoscritto un verbale con il quale dichiaravano di “sospendere l’esproprio a causa della folla eccessiva che impediva l’accesso”.

Naturalmente il tentativo sara’ ripetuto. Nel frattempo la Fim-Cisl, che ha guidato la protesta, chiede un intervento di tutte le istituzioni e le forze politiche interessate a salvare l’azienda, che nonostante il debito ha tuttora commesse e lavoro, e dove da domani la produzione riprenderà.

Fema, oggi il pignoramento. La Cisl: barricate ai cancelli

Lavoratori della Cisl CORTENUOVA -- Ci sarà grande tensione questa mattina ai cancelli della Fema di Cortenuova. Oggi ...

Negoziante si aggrappa all’auto delle ladre in fuga

Carabinieri VERDELLINO -- Ha percorso 100 metri attaccata alla portiera di un'auto in fuga con a ...