iscrizionenewslettergif
Poesie

“A una passante” di Charles Baudelaire

Di Redazione16 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La via assordante strepitava intorno a me.
Una donna alta, sottile, a lutto, in un dolore
immenso, passò sollevando e agitando
con mano fastosa il pizzo e l’orlo della gonna
agile e nobile con la sua gamba di statua.
Ed io, proteso come folle, bevevo
la dolcezza affascinante e il piacere che uccide
nel suo occhio, livido cielo dove cova l’uragano.
Un lampo, poi la notte! – Bellezza fuggitiva
dallo sguardo che m’ha fatto subito rinascere,
ti rivedrò solo nell’eternità?
Altrove, assai lontano di quì! Troppo tardi! Forse mai!
Perchè ignoro dove fuggi, né tu sai dove io vado,
tu che avrei amata, tu che lo sapevi!

“Sulla Gioia” di Madre Teresa di Calcutta

126661740_09fc5a03abUn cuore gioioso è il normale risultato di un cuore che arde d'amore. Lagioia non è semplicemente ...

“Il giorno più bello della storia” di Gianni Rodari

images-21S’io fossi un fornaio Vorrei cuocere un pane Così grande da sfamare Tutta, tutta la gente Che non ...