iscrizionenewslettergif
Sport

Caporetto nerazzurra: si salvano Consigli e Raimondi

Di Redazione13 novembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il miracolo di Consigli

Il miracolo di Consigli

EMPOLI – Una disfatta totale. Dare delle valutazioni sensate, dopo una prestazione simile, è veramente difficile. Gli unici due nerazzurri a salvarsi sono Consigli (nonostante i tre gol presi) che ha limitato i danni con una super parata su bomber Coralli e Cristian Raimondi, uscito all’intervallo.

Consigli 6,5: Subisce tre reti senza poter fare molto, si oppone invece alla grande prima su Foti (sinistro a colpo sicuro all’11’) e poi su Coralli (70′, volo da campione): senza di lui, sarebbe stato un tracollo ancora più improtante.

Raimondi 6: In alcune occasioni si lancia all’attacco faticando un po’ a rientrare, il primo gol nasce dalla sua parte ma è Troest a sbagliare ma la sua prima frazione non è negativa. Prova anche la via del gol con un tiro al volo, non rientra nella ripre. (dal 46′ Bonaventura 6: si sbatte, cerca di dare qualità e in alcune occasioni ci riesce pure. Arma preziosa da usare di più e meglio) 

Troest 4: Sbaglia in novanta minuti tutto quello che non ha mai dimostrato di fallire nelle precedenti apparizioni. Foti lo supera senza difficoltà in occasione del vantaggio di Coralli, Cesaretti lo sovrasta in velocità nell’azione del rigore. Svagato, mai preciso e clamorosamente disattento: prestazione da cancellare

Manfredini 4,5: Leggermente meglio del compagno di reparto solo perchè ci mette maggior grinta. Coralli sull’1-0 salta indisturbato, il fallo su Cesaretti in occasione del rigore arriva perchè è in ritardo sulla giocata dell’avversario e in generale, gli attaccanti empolesi, paiono tutti campioni del mondo.

Bellini 5,5: Spirito di abnegazione e voglia non si discutono (il fallo che gli costa il giallo arriva per frustrazione) ma dalla fascia sinistra di cross interessanti non ne spiovono eppure ci prova abbastanza spesso

Barreto 5: prestazione abbondantemente insufficiente per il bravo paraguaiano. Batte angoli ad altezza coscia, si propone ma non trova mai la giocata e l’ardore delle ultime partitte proprio non si vede: andrà via con la Nazionale, speriamo non torni con qualche brutta sorpresa. (dal 46′ Basha 5,5: un po’ meglio rispetto al compagno ma niente di trascendentale)

Carmona 4,5: Chi l’ha visto? L’Empoli, a centrocampo, ha fatto il bello e il cattivo tempo e la sua mancanza in fase di costruzione si è sentita molto. Qualche fallo di troppo, l’ultimo (pericolosissimo) gli costa il rosso diretto

Padoin 5,5: Non è in un momento particolarmente felice e si vede, a centrocampo fatica a rendersi pericoloso sulla fascia mancina e quando passa terzino la musica cambia poco.

Doni 5,5: Dopo cinque minuti è già arrabbiato come una belva, capisce l’andazzo e protesta spesso con l’arbitro innervosito (credo) dalla prova assolutamente incredibile dei suoi compagni. Cerca qualche lampo di qualità ma non è mai decisivo: le responsabilità, a volte, devono rpendersele pure gli altri (dal 79′ Pettinari sv)

Ardemagni 4,5: Servito poco e male, rimbalza contro Stovini senza mai riuscire a crearsi spazi importanti. Dopo due buone prestazioni, altra prova negativa: necessario ritrovarne presto la verve realizzativa.

Ruopolo 4,5: Di solito, le sue sportellate si vedono chiaramente. Questa volta è spuntato e non si rende mai pericoloso a parte un destro centrale del primo tempo su assist di Ardemagni.

All. Colantuono 5 : Di fronte ad una prestazione simile, l’allenatore vorrebbe cambiare tutti già all’intervallo. Squadra svagata e assente dal punto di vista mentale, ha la responsabilità oggettiva del gruppo che allena e l’insufficienza è spiegata ma pure cambiando modulo, la musica non sarebbe cambiata.

Incredibile Atalanta: l’Empoli vince facile 3-0

L'espulsione di Carmona EMPOLI – Un'Atalanta imbarazzante esce con le ossa rotte dallo stadio Castellani di Empoli e ...

Atalanta, Spagnolo è durissimo: vergogna

Roberto Spagnolo EMPOLI – "Un'Atalanta bruttissima, c'è da vergognarsi". Basterebbero queste parole, espresse nell'immediato dopo gara dello ...