iscrizionenewslettergif
Poesie

“Vicolo” di Salvatore Quasimodo

Di Redazione28 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Mi chiama talvolta la tua voce
e non so che cieli ed acque
mi si svegliano dentro:

una rete di sole che si smaglia
sui tuoi muri ch’erano a sera
un dondolio di lampade
dalle botteghe tarde
piene di vento e di tristezza.

Altro tempo: un telaio batteva nel cortile
e s’udiva nella notte un pianto
di cuccioli e bambini.

Vicolo: una croce di case
che si chiamano piano,
e non sanno ch’è paura
di restare sole nel buio.

“Le tenebre” di Charles Baudelaire

images62Nelle cave d'insondabile tristezza dove il Destino già m'ha relegato, dove mai entra raggio roseo e gaio, dove ...

“Strano vagare nella nebbia” di Hermann Hesse

savanna-fog-robert-rohrichÈ strano vagare nella nebbia! Solo è ogni cespuglio e pietra, Nessun albero vede l'altro, Ognuno è solo. Pieno ...