iscrizionenewslettergif
Politica

Casini: alleanza con Fini e Rutelli, anche se non sarò leader

Di Redazione28 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pierferdinando Casini

Pierferdinando Casini

ROMA — “Se esistesse un disegno politico condiviso, potremmo allearci con Rutelli e anche con Fini, perché ho sempre fatto prevalere le scelte politiche rispetto alle questioni personali. A 55 anni, mi interessa far crescere le mie idee politiche, senza costruire un’alleanza condizionata a una mia eventuale leadership”. Lo ha detto il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini in un’anticipazione del libro di Bruno Vespa “Il cuore e la spada” in uscita il 5 novembre.

“Berlusconi avrebbe dovuto accettare di corsa la mia generosa proposta di un governo di responsabilità nazionale – ha detto Casini – . Non lo facevo per dare una mano a Berlusconi, ma all’Italia che nel frattempo sta andando a rotoli. Il paese è diviso in corporazioni da più di trent’anni e stanno addirittura formandosi sindacati territoriali. E’ da pazzi parlare con disinvoltura di leghe del Sud”.

“Se il Sud non crede più a una politica nazionale di mediazione, ha già dato la vittoria al Nord a tavolino”. Casini ha detto a Vespa di sentirsi ancora idealmente nel centrodestra e che non esclude una ripresa dei rapporti con Berlusconi “se il centrodestra tornerà alla normalità smettendo di normalizzarsi in una deriva populista e filoleghista”.

Giovane Italia (Pdl): la sinistra sottovaluta gli effetti della campagna d’odio

Enzo Lorenzi BERGAMO-- "E' davvero grave e sconcertante il vertiginoso aumento di casi di aggressione in tutto ...

Aeroporto: il Pd chiede lo stop dei voli notturni

Decollo dall'aeroporto di Orio Al Serio BERGAMO -- Un documento in sei punti. Pur sostenendo l'importanza dell'aeroporto come risorsa economica, il ...