iscrizionenewslettergif
Bergamo

Scende in bici dalle scalette, passanti terrorizzati

Di Redazione25 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I passanti si scansano per lasciare passare il funanbolo

I passanti si scansano per lasciare passare il funanbolo

CITTA’ ALTA — Di abilità, a dire il vero, deve averne molta. Così come spregio del rischio, proprio e altrui. Un funambolo della bicicletta è disceso in mountain bike dalle scalette di Città Alta, fra lo sguardo incredulo dei passanti. Le “imprese” sono state registrate con una videocamera e poi postate su Youtube.

Quanti divieti abbia infranto lo spericolato ciclista lo lasciamo valutare agli esperti. Certo è che la sua discesa è spettacolare quanto azzardata. Il ciclista è sceso dalle scalette di San Vigilio, poi giù a tutta velocità, dalla scalinata che da via Sudorno porta a via Borgo Canale. Quindi ha compiuto altre acrobazie per stradine e stradelle di Bergamo Alta, sempre con la speranza di non incrociare nessun pedone, pena conseguenze peggiori. Solo che ogni tanto qualcuno lo incontra davvero e lo evita per poco.

Non contento il nostro mirabolante “mago” delle due ruote, armato di telecamera sull’elmetto, scende delle scalette della Cittadella, comprese quelle di Piazza Rosate, per poi imboccare, più in basso, la via della Scaletta – scendendo dai gradini a velocità folle e facendo rizzare i capelli in testa ai passanti- per poi sbucare davanti alla stazione bassa della funicolare, in viale Vittorio Emanuele. Infine, ciliegina sulla torta, si trasferisce a Ponte San Pietro dove scende dagli scalini del Famedio (che detto per inciso è un momento ai Caduti).

Il tutto registrato con la fedele telecamerina e poi, come ormai immancabile, postato su Youtube solo pochi giorni fa, per pubblicità.

San Vigilio: funicolare chiusa fino al prossimo aprile

La funicolare di San Vigilio CITTA' ALTA -- La funicolare di San Vigilio chiuderà per lavori di revisione generale, ammodernamento ...

Landini (Fiom): nelle aggressioni alla Cisl non ci sono martiri né eroi

Maurizio Landini BERGAMO -- E' sbagliato aggredire le sedi sindacali, "ma in quello che sta accadendo non ...