iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Terapia del dolore solo per 3 bimbi su 10

Di Redazione22 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bimba in ospedale

Bimba in ospedale

Sempre più attenzione nei confronti del dolore nei bambini, un problema per anni misconosciuto e sottotrattato.

Ormai è risaputo che già in epoca fetale il bambino ha le strutture anatomiche e neurochimiche per percepire il dolore, eppure ancora oggi il bambino riceve meno cure per il dolore rispetto all’adulto. E numerose procedure dolorose eseguite in ospedale vengono eseguite senza un adeguato trattamento antalgico.

Critico soprattutto il trattamento del dolore postoperatorio: in Italia ogni anno vengono operati oltre 100.000 bambini a cui si dovrebbero somministrare farmaci analgesici, ma solo il 30-40 per cento di loro riceve un trattamento adeguato.

Ma quali sono le ragioni? Il problema principale è che solo una piccola percentuale dei farmaci per la cura del dolore è registrata per l’età pediatrica e il loro uso ‘off label’ è complesso e poco praticato in molti ospedali, come registrano gli Anestesisti Rianimatori pediatrici, riuniti a Parma in occasione del 64 ° Congresso Nazionale SIAARTI. Gli anestesisti auspicano la piena attuazione della rete di Cure palliative e Terapia del Dolore pediatriche.

Un ulteriore ostacolo è rappresentato dalla difficoltà di determinare il grado di sofferenza attraverso la misurazione del dolore. A differenza dell’adulto, il bimbo non è in grado di riportare le caratteristiche del dolore o l’intensità. In età preverbale, nei neonati, nei lattanti, nei prematuri la sfida è interpretare i segni e i comportamenti che siano riconducibili al dolore.

Epidurale: solo nel 16 per cento degli ospedali

Parto con epidurale Il parto con epidurale è ancora poco diffuso in Italia ma molto richiesto. In Italia ...

Post-partum: gli integratori non prevengono la depressione

Depressione post-partum Il rischio di depressione post-partum purtroppo non si combatte con l'assunzione di integratori a base ...