iscrizionenewslettergif
Prima periferia

Alzano: casi di scabbia in una casa di riposo

Di Redazione22 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La manifestazione cutanea della scabbia

La manifestazione cutanea della scabbia

ALZANO — E’ una delle malattie di cui eravamo abituati a non sentire parlare più fino a qualche anno fa. Invece rieccola. Due anziani e 5 operatori della casa di riposo Fondazione Martino Zanchi di Alzano sono stati contagiati dalla scabbia.

I casi erano venuti alla luce lunedì. Subito l’Asl si è attivata per circoscrivere il contagio e curare i pazienti. Dopo i controlli le persone coinvolte dalla malattia sono risultate 28, hanno spiegato dall’Asl. Oltre agli ospiti e agli operatori sono stati sottoposti a trattamento anche 21 tra parenti e familiari degli anziani contagiati.

Secondo quanto reso noto dall’Asl, l’allarme è ormai rientrato e “non c’è nulla di cui preoccuparsi”.

La malattia, meglio nota come rogna, è una dermatite causata da diverse specie di acari. La trasmissione avviene tramite contatto diretto da persone o animali domestici già infetti. In Italia il numero di casi sta aumentando. Secondo le ultime rilevazioni disponibili si è passati dai 2.000/3.500 casi degli anni 1989-2000 ai più di 5.700 del 2003.

I sintomi sono forte prurito, specialmente notturno, con vesciche e papule a cui si associano pustole e lesioni conseguenti ad infezioni da grattamento. Le parti più colpite sono gli arti superiori, ma se non trattata in tempo si diffonde in tutto il corpo: volto, ascelle, parte del dorso, natiche e nel sesso maschile. Il trattamento farmacologico prevede l’uso di pomate.

Volo Ryanair: il racconto dell’atterraggio d’emergenza (video)

Un volo Ryanair in atterraggio a Elmas ORIO AL SERIO -- Sono stati 60 minuti di ansia, in attesa di quel che ...

Con la foto del marito morto truffano un’anziana

Ennesima truffa agli anziani TORRE BOLDONE -- Hanno usato uno stratagemma astuto ma crudele per truffare un'anziana di Torre ...