iscrizionenewslettergif
Prima periferia Turismo

Volo Ryanair: il racconto dell’atterraggio d’emergenza (video)

Di Redazione21 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un volo Ryanair in atterraggio a Elmas

Un volo Ryanair in atterraggio a Elmas

ORIO AL SERIO — Sono stati 60 minuti di ansia, in attesa di quel che accadrà, quelli vissuti dai 103 passeggeri del volo Ryanair decollato da Bergamo che ieri mattina ha effettuato un atterraggio d’emergenza all’aeroporto di Cagliari Elmas. I particolari della vicenda, trapelati oggi, raccontano di un’odissea durata oltre un’ora.

Sono le 8.15 del mattino nei cieli della Sardegna. L’aereo, un Boeing 737-800, ultima versione della serie, si trova a una decina di miglia dalla testata nord della pista 32 dell’aeroporto di Cagliari. Il volo FR04706 è in fase di discesa. Ha già lasciato il contatto radio con i militari del controllo aereo di Decimomannu ed è seguito dai controllori della torre di Elmas. L’arrivo è previsto per le 8,30.

L’aereo scende costantemente. Ma improvvisamente, lungo il sentiero di discesa, i piloti notano che diminuendo la velocità il jet da 60 tonnellate perde troppa quota. Guardano gli strumenti. Controllano e ricontrollano. Poi si accorgono che i flap, quegli alettoni che garantiscono “sostegno” (portanza) anche a basse velocità, non funzionano. Un’anomalia che rischia di far finire l’aereo fuori pista o di non farlo arrivare sulla striscia d’asfalto. La discesa prosegue, ma tocca ai soli motori sostenere il jet. Il comandante tenta il primo atterraggio. Ma il velivolo piomba sulla pista troppo veloce. Non resta che una scelta: riattaccare e riprendere quota per un altro tentativo. L’aereo passa sopra la pista senza toccarla e si risolleva. A bordo del jet la gente sbianca in volto e comincia a chiedersi se tutto vada bene. Le hostess cercano di rassicurare i passeggeri, ma un brivido freddo corre lungo la schiena.

Nel frattempo a terra scatta l’allerta. In caso di atterraggio abortito, la procedura prevede che l’aereo torni sul radiofaro di Capo Carbonara per tentare un nuovo atterraggio. Il grosso Boeing arriva nel punto stabilito alle 8.27. Qui viene raggiunto da una chiamata dei controllori dell’aeronautica militare di Decimomannu, che seguono il volo sui radar. I militari sono preoccupati, chiedono spiegazioni al comandante. Poi parlano con la torre di Elmas e subito dichiarano lo stato di emergenza. Il 737 viene messo in circuito d’attesa sul radiofaro di Carbonara, mentre a terra la macchina dei soccorsi si mette in moto. I vigili del fuoco raggiungono le loro postazioni. Cinque mezzi speciali affiancano la pista. Mentre dal porto salpano un’imbarcazione con 6 sommozzatori e una motobarca pompa che prende posizione nello specchio d’acqua che circonda l’aeroporto.

E’ passata quasi un’ora dall’anomalia. Alle 9.12 l’aereo comincia un nuovo avvicinamento a Cagliari. I 103 passeggeri a bordo incrociano le dita. I piloti ricalcolano la potenza necessaria per scendere alla giusta velocità. Sarà tutto un gioco di motori e manetta. Tremila, duemila, mille piedi. Alle 9,19 i controllori della torre di controllo di Elmas vedono l’aereo in arrivo e lo autorizzano all’atterraggio. Con abilità, i piloti appoggiano i carrelli sull’asfalto e portano a termine la manovra senza conseguenze per i passeggeri o l’aereo.

C’è il tempo per tirare un sospiro di sollievo. Mentre qualcuno, guardando quell’aereo bianco, ricorda che un anno prima un altro volo Ryanair in arrivo dalla Spagna aveva completamente sbagliato la pista, finendo su quella di rullaggio, per fortuna senza conseguenze.

LEGGI ANCHE
Atterraggio d’emergenza per volo Ryanair decollato da Bergamo

Ecco il video di un atterraggio tutt’altro che morbido ad Elmas

Un atterraggio morbido

Un atterraggio ad Elmas visto dalla cabina di pilotaggio

Era in malattia ma lavorava in coop: infermiera condannata

Una corsia d'ospedale SERIATE -- Al Bolognini di Seriate risultava assente per malattia, con tanto di certificato medico. ...

Alzano: casi di scabbia in una casa di riposo

La manifestazione cutanea della scabbia ALZANO -- E' una delle malattie di cui eravamo abituati a non sentire parlare più ...