iscrizionenewslettergif
bergamosvil1png
Politica

Il centrosinistra: Tentorio ritiri le ordinanze su accattonaggio e coprifuoco

Di Redazione19 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pietro Vertova

Pietro Vertova

BERGAMO — Tentorio ritiri le ordinanze sull’accattonaggio e sul coprifuoco in via Quarenghi (peraltro non ancora emessa). E’ questa l’esortazione dei consiglieri comunali del centrosinistra Pietro Vertova, Vittorio Grossi e Simone Paganoni al sindaco di Bergamo. Ecco il testo della nota diffusa oggi alla stampa dagli esponenti dell’opposizione.

“Il Tar della Lombardia (sezione di Brescia) ha accolto la domanda di sospensione dell’ordinanza “anti-accattonaggio” di Crema. Quest’ordinanza, come quella di Tentorio a Bergamo, vietava la questua in tutta la città e prevedeva multe a chi chiedeva l’elemosina.

L’ordinanza di Crema é stata applicata a ripetizione sotto la guida del capo dei vigili di Crema Alberto Peverelli, qualche tempo fa indicato come una delle persone più gettonate per ricoprire la carica di capo della polizia locale di Bergamo. “A Crema si segue la linea dura, chi non è a posto deve girare al largo”; “Deve spargersi la voce tra questi stranieri che Crema non è sicura per loro”: queste alcune affermazioni di Peverelli dopo i “blitz” dei vigili di Crema.

I giudici del Tar, su domanda dell’associazione intitolata a Papa Giovanni XXIII di Crema, hanno deciso di sospendere l’esecuzione del provvedimento del Sindaco di Crema fino alla pronuncia di costituzionalità della Consulta circa l’estensione dei poteri di ordine pubblico dei Sindaci prevista dal cosiddetto “decreto Maroni” (poi convertito in legge il 24-7-2008). Secondo il Tar tale legge pone il sindaco nelle condizioni di sovvertire la gerarchia delle fonti indicata dalla Carta Costituzionale, la quale attribuisce solo alla legge e agli atti ad essa equiparati l’idoneità a incidere sulla sfera giuridica di libertà del cittadino.

L’ordinanza che punisce l’elemosina non è quindi soltanto impopolare, ma anche illegittima. Tentorio eviti una banale reiterazione per Bergamo del ricorso al TAR su Crema e ritiri l’ordinanza anti-accattonaggio.

Anche il coprifuoco delle ore 20 che Tentorio vuole introdurre con un’ordinanza per via Quarenghi andrebbe oggettivamente ad incidere sulla sfera giuridica delle libertà dei cittadini, visto che limiterebbe l’attività commerciale di un’intera via senza motivi specifici (motivi che, se mai vi fossero, dovrebbero essere riferiti a singoli esercizi commerciali). Oltre a ciò, l’ordinanza introdurrebbe un’odiosa discriminazione tra gli esercenti di una via e quelli che operano nel resto della città.

Come non vi è dubbio che le ordinanze di Tentorio siano ingiuste, impopolari e discriminatorie, non vi è dubbio che il Tar le boccerebbe. Che cosa aspetta il sindaco a ritirarle?”

Pietro Vertova, consigliere comunale indipendente nei Verdi
Vittorio Grossi, consigliere comunale dell’Italia dei Valori
Simone Paganoni, consigliere comunale della Lista Bruni

Giovani Pdl: “l’Operazione memoria” è stata un successo

Il consigliere provinciale Alessandro Sorte (a sinistra) con Stefano Benigni BERGAMO -- E' stata un successo "l'Operazione memoria" messa in atto dai giovani del Pdl ...

Spostamento poliambulatorio: il Pdl dice no e attacca il sindaco Reduzzi

Carlo Saffioti BERGAMO –- Il Popolo della Libertà è contrario allo spostamento del poliambulatorio di Ponte San ...