iscrizionenewslettergif
Poesie

“Epigrafe per un libro condannato” di Charles Baudelaire

Di Redazione6 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Non scrissi, o lettore innocente,
pacifico e buon cittadino,
per te questo mio saturnino
volume, carnale e dolente.

Se ancora non hai del sapiente
Don Satana appreso il latino,
non farti dal mio sibillino
delirio turbare la mente!

Ma leggimi e sappimi amare,
se osi nel gorgo profondo
discendere senza tremare.

O triste fratello errabondo
che cerchi il tuo cielo diletto,
compiangimi, o sii maledetto!

“Vita e amore a noi due Lesbia” di Caio Valerio Catullo

images7Vita e amore a noi due Lesbia e ogni acida censura di vecchi come un ...

“Non so come” di Rabindranath Tagore

images19Non so come tu canti, mio signore! Sempre ti ascolto in silenzioso stupore. La luce della tua musica illumina ...