iscrizionenewslettergif
Politica

Festa della Libertà: Berlusconi entusiasma i bergamaschi

Di Redazione4 ottobre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I bergamaschi alla Festa della Libertà

I bergamaschi alla Festa della Libertà

MILANO — Erano più di cinquecento i bergamaschi che ieri hanno partecipato alla Festa della Libertà organizzata dal Pdl al Castello Sforzesco. Un successo di pubblico e un entusiasmo che ha contagiato anche gli esponenti politici orobici.

“E’ stata una festa straordinaria – ha commentato il consigliere regionale e coordinatore provinciale del partito, Carlo Saffioti –. Ha superato ogni aspettativa, sia in termini di partecipazione che di qualità degli interventi”. E, quanto a presenze, Bergamo non è stata da meno di altre province: “Oltre 500 i bergamaschi che hanno partecipato, riempiendo 5 autobus messi a disposizione dal Coordinamento, nonché i tanti mezzi privati che si sono uniti alla carovana”.

Un Berlusconi in piena forma quello che ha concluso la Festa: «È stato molto deciso, determinato. E senza dubbio proiettato in avanti: nel suo discorso, concreto e sereno, ha rivendicato i risultati dell’attività di Governo, rintuzzando le critiche dei suoi oppositori, di cui ha dimostrato la pretestuosità – racconta Saffioti –. Inoltre, ha proiettato l’attività dell’Esecutivo sui “cinque punti” del discorso del 29 settembre». Il Premier ha suonato una vera e propria carica di fiducia e speranza per gli elettori e i militanti del Pdl.

Ma Berlusconi ha anche spronato i suoi alla mobilitazione: “Ha chiesto a tutti noi di far conoscere ai cittadini il tanto che è stato fatto e l’importanza di quel che resta da fare”, spiega Saffioti. Non è mancato un accenno ai recenti fatti che hanno portato alla fiducia in Parlamento: “Il Premier conta sulla lealtà all’impegno preso con gli elettori e la coerenza degli aderenti a FLI: se però non vi saranno le condizioni per una serena attività di governo, si andrà a elezioni anticipate”.

Quanto ai riflessi del discorso sulla Bergamasca: “Ho trovato una conferma del percorso già avviato: dobbiamo andare avanti sulla strada intrapresa da qualche mese – sostiene Saffioti –. Rimane indispensabile proseguire nella costruzione di una stabile rete di amministratori e di un collegamento più forte e continuo fra eletti e iscritti e simpatizzanti. Vanno tradotti poi in proposte per il territorio i principi di semplificazione, sburocratizzazione, sostegno al lavoro e alle imprese per battere la crisi”.

Benigni (Pdl): i giovani sono al fianco di Berlusconi

Stefano Benigni MILANO -- Ho suscitato grandi entusiasmi, soprattutto fra i giovani, la Festa della Libertà che ...

Campagna elettorale: Bruni ha speso il doppio di Tentorio

Palazzo FrizzoniBERGAMO -- Circa 100mila euro, il doppio di quanto speso dal suo più diretto rivale. ...