iscrizionenewslettergif
Sport

Nessuna insufficienza, Ardemagni e Padoin tra i migliori

Di Redazione25 settembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Matteo Ardemagni (foto Mariani)

Matteo Ardemagni (foto Mariani)

BERGAMO – Nessuna insufficienza. Nonostante il risultato sia deludente, la squadra nerazzurra ha fatto bene e nel primo tempo doveva essere avanti di due o tre gol. L’espulsione di Raimondi, assolutamente ingiusta, ha condizionato il finale di gara e un paio di cambi forse azzardati hanno finito per togliere chili e centimetri dentro l’area della Reggina.

Consigli 6: Si vede la prima volta per un’uscita volante al 24′, non può nulla sul gran destro di Bonazzoli al 25′ e nella ripresa smanaccia sulla traversa un cross di Barillà: poco lavoro, per poco una gran beffa

Raimondi 6: Qualche appoggio magari si poteva far meglio, in occasione dei due gialli l’arbitro lo penalizza oltre misura perchè prima non tocca proprio l’avversario e nel secondo addirittura si scansa: incredibile

Talamonti 6: Controlla Campagnacci senza alcuna difficoltà, dalle sue parti non ci sono grossi pericoli e infatti esce dal campo senza grossi patemi

Peluso 6: Gli tocca Bonazzoli, di testa domina ma sul destro a giro è in ritardo e non può contrastarlo: poteva fare di più ma una conclusione simile è impossibile da prevedere.

Bellini 6: Solito motorino a sinistra, non ha un’ala davanti ma riesce comunque a pescare la punta che viene a prender palla anche se pecca un po’ di precisione: sarà il campo?

Padoin 6,5: Moto perpetuo, incursore da applausi a fianco di Carmona cerca spesso l’assist o la conslusione. Non molla mai, nel finale quasi trova l’angolino giusto

Carmona 6: Regista basso vecchio stile, sceglie sempre la giocata più semplice e smista palloni con ottima rapidità. Cala vistosamente nel finale quando non riesce più a proporre soluzioni durante la costruzione della manovra

Barreto 6: Con quei piedi, combina un po’ quello che vuole. Prende un palo clamoroso, assiste i compagni senza soluzione di continuità fino aquando la condizione lo sorregge: ha un’ora di autonomia, migliorerà

Doni 6: Si muove molto, passano da lui un sacco di azioni ed anche se non riesce spesso a concludere è molto prezioso nella manovra. Ci si aspettava un guizzo, non è arrivato ma l’apporto alla causa non è mancato. (dal 65′ Troest 6,5: Entra a freddo e sfiora il gol con una zuccata imperiosa. Salva incredibilmente su Sy a un metro dalla porta, finisce per essere il salvatore della patria)

Ardemagni 6,5: Parte bene con un ottimo spunto all’8′ su Adejo, nettamente in ripresa rispetto alle ultime uscite è anche un po’ sfortunato visto che conclude tanto ma non trova lo spiraglio giusto. Puggioni lo rimbalza spesso, lui non demorde e il cambio proprio non lo meritava. (dall’ 88′ Bonaventura sv)

Ruopolo 6: Molto mobile fin dai primi minuti, si sblocca al 20′ con un destro chirurgico all’angolino ma sbaglia un gol pazzesco al 14′. Meriterebbe un voto in più ma quell’errore in apertura pesa come un macigno sull’esito della gara, cala nel secondo tempo ed esce per Ceravolo (dal 74′ Ceravolo sv)

Colantuono 5,5: Il modulo con Doni alle spalle di due punte garantisce una maggiore incisività offensiva, la gara era impostata bene ma i cambi non convincono: perchè togliere due guerrieri come Ruopolo e Ardemagni dall’assalto finale? E poi, Bonaventura non si poteva inserire al centro visto il calo di Carmona e Barreto? Dettagli, forse, che però possono risultare decisivi.

Fabio Gennari

Il muro della Reggina resiste: l’Atalanta pareggia in casa 1-1

Francesco Ruopolo (foto Mariani) BERGAMO -- Secondo pareggio consecutivo per l'Atalanta a Bergamo. Contro una Reggina catenacciara e sicuramente ...

Dai sorrisi alla delusione: tutte le immagini di Atalanta-Reggina

Edgar Barreto BERGAMO -- Gioia e dolore, verrebbe dadire. Prima i sorrisi e poi la delusione: Atalanta-Reggina, ...