iscrizionenewslettergif
Politica

Pd: l’ira dei Popolari su Veltroni e i “frondisti”

Di Redazione23 settembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Da sinistra, Fioroni, Veltroni e Franceschini

Da sinistra, Fioroni, Veltroni e Franceschini

ROMA — “Se ci sarà una rottura la responsabilità non sarà certo di chi ha dato vita alla componente di minoranza del Pd”. E’ questo il ragionamento fatto alla riunione degli ex popolari del Partito Democratico, a cui non hanno partecipato Beppe Fioroni e gli esponenti a lui più vicini.

L’incontro convocato da Pier Luigi Castagnetti e Franco Marini (quest’ultimo durissimo contro Walter Veltroni) è durato fino a mezzanotte ed è intervenuto anche Dario Franceschini. La riflessione svolta ha riguardato il significato dell’iniziativa promossa da Fioroni con Veltroni e Gentiloni, il cui obiettivo appare più come una sfida per la leadership della minoranza che una questione di contenuti.

Nel frattempo è durato una ventina di minuti il colloquio tra Pier Luigi Bersani e Walter Veltroni nella sede del Pd al largo del Nazareno. L’ex segretario è andato via senza rilasciare dichiarazioni. L’incontro era stato chiesto nei giorni scorsi da Veltroni, per consegnare di persona al segretario il documento da lui promosso e firmato da 75 parlamentari, in vista dell’assemblea nazionale del partito che si terrà giovedì. Fonti parlamentari definiscono l’incontro “franco ma teso”. Le posizioni di Bersani e Veltroni restano distanti. Oggi la resa dei conti nella direzione del partito.

Pezzotta replica al Pd: sull’ex Enel comportamento paradossale

L'assessore all'Urbanistica Andrea Pezzotta BERGAMO -- "Senza voler giocare con le parole, lo stupore manifestato dai consiglieri comunali del ...

Cittadella dello Sport: il Pd contesta la nomina di Federici

La Casa dello Sport BERGAMO -- "Bergamo sport, società per azioni costituita dal Comune di Bergamo per la gestione ...