iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Economia

Bonanni: alla Fiat servono investimenti

Di Redazione16 settembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Raffaele Bonanni

Raffaele Bonanni

BERGAMO — “Lo spin-off del settore auto non cambia nulla per la Fiat, perché il punto centrale di questa vicenda sono i 20 miliardi promessi dal Lingotto per realizzare Fabbrica Italia”. Lo ha detto il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, commentando il via libera allo scorporo del settore auto arrivato oggi dall’assemblea dei soci del gruppo torinese.

”Di certo – ha precisato il sindacalista parlando a margine di un convegno in corso all’Università di Bergamo sui 60 anni della Cisl – lo scorporo senza investimenti e’ un fatto negativo, ma se Fiat conferma gli investimenti mi pare una razionalizzazione assolutamente comprensibile”, perche’ ”e’ chiaro che una azienda multinazionale separi l’auto dalle altre attivita”’.

Per Bonanni, insomma, ”il problema vero e’ capire quanti investimenti faranno, se e’ quello che ci hanno promesso”, ossia ”se ci sono i 20 miliardi per fare la Fabbrica Italia. Questo – ha ribadito Bonanni – è il punto centrale della vicenda”.

Alla domanda se, dal suo punto di vista, i soli a guadagnarci dallo spin-off del settore auto saranno gli azionisti della Fiat, così come aveva sostenuto ieri il leader della Cgil Epifani, Bonanni ha replicato senza sbilanciarsi: ”Gli azionisti – si e’ limitato a dire – pensano sempre a guadagnarci, del resto fanno impresa per questo”.

Lunedì assemblea Confindustria, con il ministro Sacconi

Il ministro Sacconi BERGAMO -- Appuntamento da non perdere per gli imprenditori bergamaschi. Lunedì prossimo, al Centro congressi ...

Fincantieri, Sacconi convoca le parti: “No agli agitatori”

Il ministro Sacconi BERGAMO -- Il governo è pronto a convocare le parti coinvolte nella trattativa sui problemi ...