iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’approdo” di Primo Levi

Di Redazione14 settembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Felice l’uomo che ha raggiunto il porto,
Che lascia dietro di sè mari e tempeste,
I cui sogni sono morti o mai nati,
E siede a bere all’osteria di Brema,
Presso al camino, ed ha buona pace.
Felice l’uomo come una fiamma spenta,
Felice l’uomo come sabbia d’estuario,
Che ha deposto il carico e si è tersa la fronte,
E riposa al margine del cammino.
Non teme né spera né aspetta,
Ma guarda fisso il sole che tramonta.

“Risveglio” di Cesare Pavese

risveglioLo ripete anche l'aria che quel giorno non torna. La fìnestra deserta s'imbeve di freddo e di ...

“Porto dentro il mio cuore” di Fernando Pessoa

images29Porto dentro il mio cuore, come un cofanetto pieno che non si può chiudere, tutti i luoghi ...