iscrizionenewslettergif
Bergamo

Telefonate minatorie al 113: quel primario dei Riuniti verrà ucciso

Di Redazione7 settembre 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'ospedale di Largo Barozzi

L'ospedale di Largo Barozzi

SANTA LUCIA — E’ stata una mezz’ora di tensione quella vissuta ieri da Luigi Frigerio, primario di ginecologia degli Ospedali Riuniti di Bergamo. Fra le 11.30 e mezzogiorno, il centralino del 113 ha ricevuto due telefonate minatorie di un uomo che, con accento italiano, riferiva: “Il primario di Ginecologia dei Riuniti verrà ucciso fra pochi minuti”. Inutile dire che le telefonate hanno destato subito l’allerta delle forze dell’ordine.

E mentre in Largo Barozzi scattavano le misure di prevenzione, gli agenti riuscivano a risalire alla cabina da cui erano state effettuate le chiamate: era a pochi metri dai Riuniti. La tensione saliva. Dal presidio di polizia dell’ospedale si alzavano le antenne. Si controllavano sguardi furtivi e comportamenti sospetti, fra le centinaia di persone che ogni minuto passano dall’ingresso del nosocomio. Dai filmati delle telecamere esterne, i poliziotti provavano ad individuare il “telefonista”. Ma, la cabina era fuori dalla portata del video.

E così il mistero resta. Le indagini della questura proseguono. Al vaglio l’elenco di possibili “nemici” del medico. L’ipotesi, al momento, è che si sia trattato di un mitomane. Intanto Frigerio ha sporto denuncia contro ignoti.

Schianto contro un palo: motociclista muore in via Statuto

La corsa dell'ambulanza CENTRO CITTA' -- Drammatico incidente nella notte di domenica in via Statuto. Un motociclista di ...

Comuni, Provincia, enti locali: la classifica dei dirigenti più pagati

La sede della Provincia di Bergamo BERGAMO -- La media è di quasi 96mila e cinquecento euro annui lordi, ma la classifica ...