iscrizionenewslettergif
Sport

Primo gol e stadio pieno: tante emozioni per Leonardo Pettinari (audio)

Di Redazione21 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Leonardo Pettinari

Leonardo Pettinari

BERGAMO — Non gli era mai successo di giocare davanti ad un pubblico simile. Non gli era mai successo di esultare per un gol di testa, vero e proprio tallone d’achille per uno che palla a terra sta dimostrando cose egregie.

Leonardo Pettinari, esterno toscano arrivato dal Cittadella, ha commentato felice la partita contro il Vicenza e la sua mente è già rivolta al prossimo impegno contro il Varese.

Pettinari, è arrivato il primo gol ufficiale con la maglia dell’Atalanta..

Sono emozionato e contentissimo, è stato un gol che ci ha sbloccato dopo un avvio di gara in cui il Vicenza è stato molto pericoloso. Ovviamente segnare in un contesto del genere è bellissimo, personalmente è la prima volta che mi capita di giocare davanti a così tanta gente: credo che per un giocatore sia il massimo.

Come hai visto la squadra?

Credo che siamo partiti con il piede giusto, sicuramente ci sarà qualcosa da migliorare sia nella condizione che nei movimenti ma a parte i primissimi minuti, non abbiamo rischiato più di tanto creando anzi i presupposti per segnare ancora.

Adesso si va a Varese..

Gara importante e difficile, loro vorranno fare bella figura davanti al proprio pubblico e poi arriva l’Atalanta che, in serie B, è certamente una squadra di rango. Sarà una battaglia, come ce ne saranno molte in questa stagione.

Personalmente, a che punto sei?

Non mi sbilancio con delle percentuali, non sono al top dal punto di vista fisico. Mi manca un po’ di rapidità, nel finale ero stanco perché ho corso molto ma penso che sia normale e sicuramente nelle prossime gare andrà meglio.

In settimana, questo gol, l’avevi anche un po’ anche chiamato..

E’ stato importante, soprattutto in quel momento, e devo dire che è sempre una grande gioia. Una dedica? Non la faccio a nessuno, altrimenti finisce che qualcuno se la prende perché me ne dimentico: ragazza, mamma, amici, pubblico, va bene per tutti. Il fatto di aver segnato di testa poi è incredibile, credo di non aver mai fatto gol in questo modo e infatti i compagni mi hanno sempre preso in giro.

Cosa avranno pensato le altre?

Abbiamo mandato il messaggio che volevamo, dimostreremo anche contro di loro che siamo una squadra forte che si è calata subito nella mentalità del campionato: sappiamo che sarà ogni volta una battaglia, siamo pronti ad affrontarle tutte.

Ci racconti qualcosa del “Pettinari Fans Club”?

Sono i miei amici d’infanzia, partono da Prato e anche nella passata stagione mi hanno seguito ovunque: Crotone, Reggio Calabria, hanno fondato questo Fans Club in modo da essere più organizzati. In Toscana toccheranno le 50 persone, sono sempre vicino a me e li conosco da quando andavo all’asilo, voglio ringraziarli di tanto affetto.

Cosa hai detto ad Ardemagni dopo il rigore sbagliato?

Quando non segna, non ci parlo (sorride, ndr). Scherzi a parte, lo vedo molto bene e anche i gol arriveranno: movimenti e intesa migliorano giorno dopo giorno, lo conosco e se ci saranno da tirare altri rigori si presenterà senza problemi.

Audio: Pettinari in mix-zone

Fabio Gennari

Antonio Percassi è contento: dedico la vittoria a Ivan Ruggeri (audio)

Antonio Percassi BERGAMO -- E' arrivato in tribuna quando la partita stava per iniziare, il primo sguardo ...

Basha promuove l’Atalanta: ci meritiamo un bel 7 (audio)

Migjen Basha BERGAMO -- A caviglia morse, siamo già messi bene. Si sapeva, è un mastino e ...