iscrizionenewslettergif
Sport

L’Atalanta risponde al Siena. Doni-Conte: fu il tecnico ad iniziare

Di Redazione6 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cristiano Doni

Cristiano Doni

BERGAMO – Siena chiama, l’Atalanta risponde. Dopo il comunicato emesso dalla società toscana, i vertici nerazzurri hanno voluto replicare nel tardo pomeriggio di venerdì con una nota apparsa sul sito ufficiale.

“L’Atalanta Bergamasca Calcio ringrazia per l’attenzione che l’Associazione Calcio Siena ed il suo presidente Massimo Mezzaroma riservano al nuovo corso gestionale della Società.

L’Atalanta BC ritiene altresì di essere sufficientemente in grado di gestire al meglio i propri tesserati ed in virtù di “quel clima di serenità che tutti hanno interesse a creare” consiglia e suggerisce all’AC Siena di mantenere lo stesso atteggiamento nei confronti dei propri”.

Quando i motori del campionato non sono ancora stati accesi dunque, sull’asse Bergamo-Siena sembra ci siano già scintille. Anche se nessuna delle due società ha voluto sottolinearlo, è chiaro come sia lo scontro verbale tra Doni e Conte il motivo di un simile scambio di vedute. Anche se in ordine di tempo è stato il leader nerazzurro l’ultimo a prendere parola, è giusto sottolineare come sia stato il tecnicopugliese a dare fuoco alle polveri.

Dopo la presentazione ufficiale avvenuta a Siena il 25 maggio scorso, Antonio Conte rilasciò un’intervista pubblicata dalla Gazzetta dello Sport giovedì 17 giugno.

Nell’articolo firmato Francesco Velluzzi, disponibile qui per la lettura, l’allenatore pugliese ha parlato del suo passato commentando così l’esperienza orobica: “Sono partito con 5 risultati utili. A Livorno si è rotto qualcosa e si è bloccato il processo di crescita”: chiaro il riferimento al faccia a faccia avuto con Doni nello spogliatoio del Picchi.

Pochi giorni dopo, sulle colonne dell’Eco di Bergamo è apparsa una lunga intervista proprio al capitano atalantino che oltre a esprimere le sue impressioni sul nuovo corso targato Percassi ha risposto per le rime a Conte: potete leggere qui quanto dichiarato da Cristiano Doni.

Polemica finita? Nemmeno per sogno, l’attuale allenatore senese ha rincarato la dose sostenendo che “Doni sapeva da due mesi dell’acquisto da parte del suo amico Percassi, aveva la promessa di un contratto per un paio di stagioni. Dovrebbe pensare di più a fare il calciatore e non altre cose”.

Ora che anche le due società hanno detto la loro, la speranza di tutti è che la questione sia definitivamente chiusa: c’è un campionato massacrante che sta per iniziare e serviranno tutte le energie a disposizione.

Fabio Gennari

Scarica di ghiaccio colpisce il compagno: l’alpinista Merelli rinuncia al K2

L'alpinista bergamasco Mario Merelli ISLAMABAD, Pakistan -- Anche quest'anno il K2 miete vittime. La seconda montagna della Terra, quella ...

Garics a Bologna, ecco Raimondi: “Sono felice, si avvera un sogno”.

Cristian Raimondi ZINGONIA – “Chi è scontento non sarà trattenuto, vogliamo solo gente che dia tutto per ...