iscrizionenewslettergif
Poesie

“Poeti futuri” di Walt Whitman

Di Redazione5 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Poeti futuri! Oratori, cantori, musicisti futuri!
Non l’oggi mi può giustificare e chiarire chi sono,
Ma voi, stirpe nuova, atletica, schietta, continentale,
maggiore d’ogni altra conosciuta,

Sorgete! Spetta a voi giustificarmi.
Io non scrivo solo una o due parole per indicare il futuro,
Non avanzo che un attimo, per poi voltarmi e
Riaffrettarmi nel buio.

Io sono un vagabondo che non si ferma mai, che getta a
Caso uno sguardo su di voi e storna il viso,
Lasciandovi il compito di analizzarlo e definirlo,
Da voi aspettandosi cose più importanti.

“Ella passa radiosa” di George Gordon Byron

800px-goya_maja_naga21Ella passa radiosa, come la notte Di climi tersi e di cieli stellati; Tutto il meglio del ...

“Sonetto 1” di William Shakespeare

rose-golden-celebration-6x6La tua fiamma s'illumina da sola, Carestia su terreno rigoglioso, Tu stesso tuo nemico a te si ...