iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Nucleare, acqua, politica: 45mila firme per i referendum di Di Pietro

Di Redazione3 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Antonio Di Pietro

Antonio Di Pietro

BERGAMO — “E’ stato davvero difficile ma alla fine, ma nonostante il silenzio dei mass media, le adesioni sono state tantissime, 2 milioni e 200 mila in tutta Italia. Solo a Bergamo, 45 mila”. Lo ha detto ieri il coordinatore regionale dell’Italia dei Valori Sergio Piffari presentando i dati sui referendum presentati dal movimento di Di Pietro su tre diversi temi.

Il primo referendum riguarda il nucleare, con l’Italia dei Valori fermamente contraria. Il secondo sull’acqua che secondo Di Pietro non va privatizzata ma deve rimanere un bene pubblico. Il terzo è per l’abrogazione del cosiddetto “legittimo impedimento” che salva il premier dai suoi guai giudiziari.

“In Lombardia le firme raccolte sono state 240mila” ha concluso Piffari, con un’analisi soddisfatta dei risultati finali.

Bossi: stanno cercando di bloccare il federalismo, ma occhio…

Umberto Bossi ARCENE -- ''Si capisce che la cosa è stata organizzata. Chi ha perso le elezioni ...

Berlusconi “chiama” i senatori a cena: Fini è all’1,5 per cento

Silvio Berlusconi alla cena di ieri sera ROMA -- Il premier ostenta sicurezza ma in cuor suo sa bene che il cammino ...