iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Sport

Atalanta, solo Garics e Amoruso in bilico: il resto sono invenzioni

Di Redazione3 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nicola Amoruso

Nicola Amoruso

BERGAMO – Sono Nicola Amoruso e Gyorgy Garics gli unici due elementi in grado di movimentare ancora il mercato dell’Atalanta. Se sul fronte arrivi sembra ormai tutto fatto, pensando alle cessioni c’è ancora qualche margine di trattativa nonostante le possibilità di effettiva partenza non sono poi così tante.

Il caso più spinoso riguarda sicuramente l’attaccante pugliese prelevato a gennaio dal Parma. Amoruso è arrivato per una cifra vicina agli 1,6 milioni di euro con un contratto di 600.000 euro a stagione. Fanno poco meno di 3 milioni netti a bilancio: un’enormità.

Qualcuno magari pensa che, non rientrando nei piani del nuovo tecnico Colantuono, si potrebbe tentare la strada della rescissione già messa in pratica con Bianco ma è proprio l’ammontare del debito iscritto a bilancio che crea problemi: una cessione entro la fine di agosto permetterebbe di recuperare un po’ dei soldi investiti ma soprattutto di sollevare le casse atalantine dall’oneroso stipendio.

Nick “Piede caldo” a Bergamo si trova bene, certamente le ultime esclusioni non sono il massimo ma siamo di fronte ad una situazione abbastanza definita, soprattutto nei fatti: con Tiribocchi, Ardemagni, Ruopolo e Doni la batteria di attaccanti è completa, Marconi verrà mandato a giocare e per Amoruso si cerca una soluzione. Scartato il Brescia, l’interesse più concreto è stato manifestato dal Chievo ma la società veronese si è presentata con delle contropartite tecniche (Malagò e Gasparetto) che a Bergamo non interessano.

I dirigenti dell’Atalanta probabilmente aspetteranno gli ultimi giorni di trattative, una punta è sempre più facile da piazzare e quindi in questo senso bisogna solo avere un po’ di pazienza.

La situazione di Garics, invece, è molto più chiara. L’Atalanta non vuole venderlo, se il giocatore si dovesse impuntare servono due condizioni: una squadra che porti almeno 3,5 milioni e una valida alternativa già bloccata.

Nonostante le dichiarazioni che giungono da Bologna, è bene che tutti capiscano che è finito il tempo in cui per la spesa all’ombra di Città Alta bastavano gli spiccioli e qualche cassa di frutta. Il Bologna vuole Garics? Offra molto più dei 2 milioni messi finora sul piatto e se ne parla.

Dovesse partire l’austriaco, il nome più interessante è quello di Gabriele Perico dell’Albinoleffe visto che, segnatevelo, quel Ferri svincolato dal Vicenza non interessa minimamente. L’esterno dei seriani andrà in scadenza a giugno, Andreoletti ha buoni rapporti con Spagnolo visto anche il trascorso insieme proprio nella Celeste e viene difficile pensare che si ripeta quanto accaduto con Cellini, Ruopolo e Peluso persi senza alcun incasso.

Altri nomi interessanti in uscita non dovrebbero esserci, il Padova pressa Bonaventura ma con Doni sul viale del tramonto e la considerazione di Colantuono alle stelle è proprio il centrocampista di qualità marchigiano l’uomo dai piedi buoni che potrebbe risultare decisivo.

Colombi (contratto prolungato al 2013, interessa a Triestina e Barletta) e Marconi sono i giovani in uscita, Loria è una voce alimentata da chi non conosce le logiche di mercato nerazzurre e per tutti quelli che ancora pensano che questo gruppo abbia bisogno di nuovi innesti consiglio di dare un’occhiata al mercato delle concorrenti di serie B: il gruppo nerazzurro, oggi, è il migliore di tutti.

Fabio Gennari

Atalanta, abbonamenti anche a Oriocenter (foto)

Il punto vendita di OrioCenter ORIO AL SERIO – L’Atalanta, da oggi, raddoppia. Dopo la pausa di domenica, la campagna ...

Tegola sull’Atalanta: Ferreira Pinto operato al ginocchio sinistro

Ferreira Pinto ZINGONIA -- Pessima notizia per gli appassionati nerazzurri nel giorno della ripresa degli allenamenti al ...