iscrizionenewslettergif
Sport

Trofeo Bortolotti al Siviglia, l’Atalanta convince ma perde 2-1

Di Redazione1 agosto 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bellini riceve il trofeo dal presidente Percassi (foto Mariani)

Bellini riceve il trofeo dal presidente Percassi (foto Mariani)

BERGAMO – Si può essere soddisfatti anche dopo una sconfitta nella prima partita stagionale davanti al pubblico amico? Vista la prestazione dell’Atalanta contro il Siviglia la risposta è soltanto una: assolutamente sì.

La XVI edizione del Trofeo Achille e Cesare Bortolotti, disputata sabato sera a Bergamo, si è chiusa con il successo degli spagnoli per 2-1 ma caratura dell’avversario, individualità affrontate e gioco espresso dai nerazzurri di Colantuono sono segnali importanti di come Tiribocchi e compagni si siano comportati bene.

Con l’ex Guarente, fischiatissimo, il tecnico Alvarez ha mandato subito in campo Luis Fabiano e Diego Capel tenendo per la ripresa Kanoute, Negredo e Perotti: l’Atalanta è partita con la miglior formazione possibile ad eccezione di Ferreira Pinto e Barreto costretti ai box e con Garics, non ancora certo di rimanere, inizialmente  in panchina.

L’inizio di gara è stato equilibrato con l’Atalanta molto brava a tenere le distanze tra i reparti per non lasciare spazi invitanti ai talentuosi avversari che presto saranno impegnati nel preliminare di Champions League: la prima occasione del match è del Siviglia all’11’, Romaric dalla destra ha calciato una punizione con il mancino verso la porta di Consigli ma l’estremo nerazzurro ha deviato in tuffo senza grossi affanni.

Una delle caratteristiche che Colantuono vuole vedere nell’Atalanta è sicuramente la rapidità nelle ripartenze, al 14’ i suoi ragazzi ci hanno provato e il risultato è stato perfetto. Recuperata palla sugli sviluppi di un’azione spagnola, Radovanovic ha sventagliato in campo aperto per Ardemagni, l’ex attaccante del Cittadella ha atteso i rinforzi cercando poi l’assist filtrante per Tiribocchi: il difensore spagnolo Fazio ha pasticciato, il “Tir” si è trovato a tu per tu con Palop e lo ha superato agevolmente con un destro preciso.

La reazione del Siviglia non è stata particolarmente interessante, al 23’ però un rinvio rimpallato di Bellini ha costretto il terzino di Sarnico al fallo da rigore sul guizzante Capel con Luis Fabiano che dal dischetto ha superato Consigli.

Dopo il pareggio la gara è rimasta equlibrata, l’Atalanta nonostante la differenza di valori rispetto agli avversari ha continuato a cercare le sue geometrie e un paio di azioni sono state emblematiche di come la strada imboccata sia quella giusta. Al 32’ Peluso, ottima la sua prova, si è prodotto in una sovrapposizione di almeno 70 metri e dopo aver ricevuto palla da Pettinari ha scodellato al centro un pallone perfetto su cui Ardemagni non è riuscito di un soffio ad intervenire.

Le combinazioni tra le punte non sono mancate, al 34’ bomber Tiribocchi di prima intenzione ha liberato al tiro Ardemagni ma il destro del numero 63 è finito alle stelle: il primo tempo si è chiuso con una punizione di Luis Fabiano sventata da Consigli ed un 1-1 tanto giusto quanto sorprendente per come la squadra di Colantuono ha tenuto il campo.

Nella ripresa c’è stata la classica girandola di sostituzioni, ovviamente il Siviglia ha potuto schierare altri elementi di grande valore ma l’Atalanta non ha demeritato subendo il definitivo 2-1 di Kanoute in modo abbastanza casuale: l’attaccante francese, dopo aver fallito una clamorosa occasione al 24’, è stato molto fortunato a trovarsi nel posto giusto al 26’ raccogliendo il pallone scagliato dall’ottimo Perotti sul palo alla destra di Frezzolini.

L’azione bergamasco più bella di tutto il secondo tempo è arrivata al 30’, Defendi sulla destra ha saltato con un guizzo Lolo, assist rasoterra per Ruopolo che in un fazzoletto ha scaricato sul sinistro di Basha un pallone splendido: conclusione di prima, volo di Javi Varas e palla in angolo.

Un destro di Rodri salvato sulla linea da Troest (34’) e un sinistro al volo di Marconi su assist di Ruopolo (39’) hanno chiuso la contesa senza ulteriori cambi nel tabellino, al fischio finale è stato il Siviglia a trionfare.

Atalanta-Siviglia 1-2

Marcatori: 15’ pt Tiribocchi(A), 23’ pt L. Fabiano(S) (rigore), 26’ st Kanoutè(S)

Atalanta: Consigli (18’ st Frezzolini), Bellini (18’ st Garics), Talamonti (1’ st Troest), Manfredini (18’ st Capelli), Peluso, Ceravolo (1’ st Defendi), Radovanovic (1’st Basha), Padoin, Pettinari (18’ st Bonaventura), Tiribocchi (29’ st Marconi), Ardemagni (18’ st Ruopolo). All Colantuono.

Siviglia: Palop, Dabo, Fazio (1’ st Squillaci), Escudè, Navarro, Alfaro (1’ st J. Carlos), Romaric (1’ st Zokorà), Guarente (1’ st Renato), Capel (1’ st Perotti), L. Fabiano (1’ st Kanoutè), Rodri (Negredo). All Alvarez

Arbitro: Andrea Corletto

Fabio Gennari

Serie B: giovedì 5 agosto il sorteggio dei calendari

Il logo della Serie B BERGAMO -- Atalanta e Albinoleffe conosceranno il calendario delle partite della prossima stagione di serie ...

Atalanta-Siviglia: le 38 foto della partita

L'esultanza di Simone Tiribocchi BERGAMO -- Il gol di Simone Tiribocchi, il pareggio di Luis Fabiano e le premiazioni. La ...