iscrizionenewslettergif
Poesie

“Anche la notte ti somiglia” di Cesare Pavese

Di Redazione30 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Anche la notte ti somiglia,
la notte remota che piange
muta, dentro il cuore profondo,
e le stelle passano stanche.
Una guancia tocca una guancia
è un brivido freddo, qualcuno

si dibatte e t’implora, solo,
sperduto in te, nella tua febbre.
La notte soffre e anela l’alba,
povero cuore che sussulti.
O viso chiuso, buia angoscia,
febbre che rattristi le stelle,

c’è chi come te attende l’alba
scrutando il tuo viso in silenzio.
Sei distesa sotto la notte
come un chiuso orizzonte morto.
Povero cuore che sussulti,
un giorno lontano eri l’alba.

“Hotel” di Guillaume Apollinaire

A_Hotel_Room__1906-1907La camera è sola Ognuno per sè Presenza nuova Si paga a mese. Il padrone dubita Pagheranno Giro per strada Come una ...

“Taedium vitae” di Oscar Wilde

lonelinessTrafiggere la mia giovinezza con pugnali disperati, portare La chiassosa livrea di questa età meschina, Lasciare che ...