iscrizionenewslettergif
Poesie

“Compassione ti chiedo” di J. Keats

Di Redazione21 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Compassione ti chiedo – e pietà – e amore – sì, amore,
un amore clemente, che non sia tormento,
uno ideale, mai errante, amore senza reo talento,
senza maschere, e considerando – immacolato!
Oh! lasciami averti intatta – tutta tutta mia!
La tua forma e la tua bellezza, quel veleno dolce
d’amore, il tuo bacio, e le tue mani, e gli occhi divini,
il caldo, bianco, luminoso, di mille piaceri seno –
te stessa – la tua anima – per pietà, donami tutto,
non un atomo solo ti trattieni – o morirò –
se vivessi sarebbe come un miserabile orco,
dimentica, tra tanta infelicità vana,
della vita intenti – il palato della mia mente
perduto il suo gusto, e la mia ambizione ceca.

“Fresca rosa novella” di Guido Cavalcanti

dinah-rose-at-the-derby-lynda-mcdonaldFresca rosa novella, piacente primavera, per prata e per rivera gaiamente cantando, vostro fin presio mando - a la ...

“L’arcobaleno” di William Wordsworth

jons-rainbow-linda-morlandIl mio cuore esulta al cospetto dell'arcobaleno che sta nascendo: come venendo al mondo; come nel sapersi uomo; così, ...