iscrizionenewslettergif
Politica

Rossi (Pd): oggi una brutta pagina in consiglio provinciale

Di Redazione20 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Matteo Rossi

Matteo Rossi

Egregio direttore,
nel consiglio di provinciale di questo pomeriggio (lunedi 19 luglio) il Pd ha presentato un ordine del giorno sul milione di euro destinati dal bilancio della Provincia alle famiglie del nostro territorio con due obiettivi. Primo: cercare di capire se e come queste risorse siano state effettivamente erogate e se siano quindi a disposizione delle persone realmente in difficoltà. Secondo: continuare a suggerire, come deve fare un’opposizione costruttiva, le modalità con cui a nostro avviso dovrebbe avvenire questa erogazione. Nel merito, abbiamo sempre sostenuto che la modalità di utilizzo di tali risorse dovesse essere condivisa con gli ambiti territoriali, ma che al contempo la Provincia non dovesse abdicare in alcun modo al compito di definire i criteri generali con cui utilizzare risorse proprie. In questo senso abbiamo chiesto sia che la redistribuzione fra gli ambiti avvenisse con una doverosa attenzione alle zone più colpite dalla crisi economica che, proprio perché in maggiore difficoltà, avrebbero il diritto di ottenere maggiori contributi, sia che nella definizione dei criteri non venisse in alcun modo ripetuta la logica che ha ispirato diverse amministrazioni leghiste ad optare per una distinzione tra residenti italiani e residenti stranieri. Sappiamo infatti come recentemente il Comune di Brignano e quello di Palazzago, entrambi a guida leghista, siano stati condannati per atti discriminatori dal Tribunale del Lavoro di Bergamo.

Spiace constatare come nel dibattito che si è sviluppato in Consiglio i rappresentanti della Lega nord abbiano giocato ad accusarci di demagogia mettendo in bella mostra l’arroganza di una maggioranza tutta muscoli, poca testa e niente cuore. Alla fine del dibattito, quando abbiamo chiesto se qualcuno dei presenti, consiglieri o assessori, fosse a conoscenza del se e del come fossero state effettivamente spese le risorse tanto declamate, nessuno ha aperto bocca, nemmeno l’assessore ai servizi sociali. Non c’è dubbio che si sia trattato di una brutta pagina del Consiglio Provinciale, soprattutto per il Pdl, che un tempo si diceva liberale, ma che ritiene di costruire consenso andando continuamente a rimorchio della Lega dimostrando scarsa autonomia concettuale e sudditanza programmatica.

Infine, al presidente Pirovano voglio dire che i bergamaschi hanno sempre avuto un forte senso di giustizia, solidarietà, rispetto per tutti coloro che con il loro lavoro contribuiscono al benessere della comunità. Anche fra i residenti non italiani ci sono tante persone che si rimboccano le maniche, pagano le tasse, si svegliano la mattina presto, crescono i loro figli e che non sono ancora legalmente “cittadini italiani” perché il percorso verso la cittadinanza è costoso, lungo, complicato e burocratico. Vorrei dire che, in questo senso, molti di loro sono più bergamaschi dello stesso presidente della Provincia. Decidere, come fanno gli amministratori leghisti, che queste persone devono essere tenute ai margini e non aver diritti è ciò che di meno bergamasco possa esistere. Affermare nei fatti che alcune persone possono essere considerate solo degli strumenti è ciò che di meno cristiano, o semplicemente umano, possa esserci.

Lega e Pdl hanno ormai scommesso sulla paura come un inesauribile serbatoio di voti. Tutto ciò che può diminuirla, razionalizzarla, cancellarla, se da un lato migliorerebbe la nostra società, dall’altro prosciugherebbe la paludi culturali dalle quali attingono il loro consenso. E’ questo il paradosso drammatico contro il quale occorre saper costruire un’alternativa culturale, politica e programmatica insieme alle forze politiche e sociali, laiche e cattoliche, che credono che Bergamo, anche per la sua storia, meriti un futuro migliore, prima che sia troppo tardi.

Matteo Rossi
(consigliere provinciale Pd)

Pdl: tre giorni di festa e politica a Ghisalba

Il consigliere provinciale Alessandro Sorte e il coordinatore provinciale del Pdl Carlo Saffioti BERGAMO -- “La festa vuole essere soprattutto un momento d'incontro anche nelle differenze che caratterizzano ...

L’assessore Belotti: sugli appalti della Gronda sud massima trasparenza

Daniele Belotti MILANO -- In merito alla questione degli appalti della Gronda Sud che sarebbero finiti nel ...