iscrizionenewslettergif
Bergamo

Maltrattò bimbo disabile: educatrice condannata a due anni

Di Redazione14 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il tribunale di Bergamo

Il tribunale di Bergamo

BERGAMO — Ricordate la vicenda, finita su tutti i giornali, dell’educatrice della Valle Imagna che nell’ottobre scorso aveva maltrattato un bimbo di 9 anni non autosufficiente, ed era stata “beccata” dalle telecamere dei Carabinieri? Ebbene, la donna, finita sotto processo, ha patteggiato due anni di reclusione con il beneficio della sospensione condizionale.

La donna – incensurata – aveva già ammesso le sue responsabilità davanti al giudice per le indagini preliminari, dichiarandosi pentita. I filmati registrati dalle telecamere nascoste dei Carabinieri, d’altronde, non lasciavano dubbi.

A denunciare la donna erano stati proprio i genitori del bimbo disabile. Avevano notato strani atteggiamenti dell’educatrice nei confronti del bambino che le avevano affidato, muto per la grave patologia. E così avevano piazzato delle telecamere nella stanza del piccolo. La donna era stata chiaramente filmata più volte mentre maltrattava in maniera ingiustificata il bimbo. Il resto lo hanno fatto i carabinieri.

Il sostituto procuratore Giancarlo Mancusi aveva chiesto un’ordinanza di custodia in carcere. Ma il gip, valutata la mancanza di precedenti della ragazza, aveva disposto gli arresti domiciliari, poi revocati.

La svolta è arrivata durante l’interrogatorio di garanzia. Quando alla trentenne erano stati mostrati i filmati, inequivocabili, che la accusavano. La donna aveva pianto, dicendosi dispiaciuta. Ma non ha fornito agli inquirenti spiegazioni sul suo comportamento nei confronti del piccolo.

I “Baci omosex” di nuovo nella cattolica Santa Caterina

Borgo Santa Caterina BORGO SANTA CATERINA -- Vista così, ricorda tanto quei "dispetti" o "provocazioni" anni Cinquanta, in ...

Bergamo come Venezia: due piscine in Piazza Pontida

Una piscina gonfiabile CENTRO CITTA' -- Vi ricordate quella celebre pubblicità che trasformava le piazze delle città italiane ...