iscrizionenewslettergif
Politica

Pagnoncelli: il ticket Saffioti-Tremaglia? Sarebbe un’ottima scelta

Di Redazione9 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'ex segretario provinciale di Forza Italia Marco Pagnoncelli

L'ex segretario provinciale di Forza Italia Marco Pagnoncelli

BERGAMO — Nei giorni scorsi si è molto parlato di elezioni anticipate e della possibilità che, in quel caso, il Pdl bergamasco candidi per il parlamento anche l’attuale coordinatore provinciale Carlo Saffioti, che verrebbe sostituito in Regione dal giovane Andrea Tremaglia. Abbiamo sentito sulla questione del ticket Saffioti-Tremaglia, il leader della minoranza del Popolo della Libertà Marco Pagnoncelli.

Pagnoncelli, cosa pensa dell’ipotesi di un ticket Saffioti-Tremaglia?
A prescindere dal fatto che Saffioti non ha bisogno del mio sostegno, se qualcuno mi chiedesse un parere direi che non potrei non essere d’accordo. E’ un autorevole esponente del Pdl, uomo del territorio, di grande esperienza. Potrebbe essere un ottimo candidato al parlamento.
Quindi la minoranza del partito sarebbe favorevole?
La mia opinione non può che essere positiva. Devo solo osservare che fra i cinque parlamentari di espressione del territorio bergamasco del Pdl manca una componente fondamentale che è quella degli amici di Formigoni e di CL che potrebbero essere ben rappresentati anch’essi, magari raggiungendo lo stesso obiettivo di quella componente che vuol lanciare un giovane bravo e dinamico come Tremaglia.
Ha sentore che Cl possa muoversi in questo senso?
No, si tratta di una mia valutazione. Se ci sono cinque parlamentari mi sembra giusto che una componente importante come quella di Cl possa quantomeno esprimere la sua opinione. Sono tutte candidature d’eccellenza.
Dal punto di vista della destra, mandare Tremaglia al Pirellone potrebbe compensare quello che manca in questo momento?
Tremaglia è un giovane, ha fatto bene, ha grinta, ha una capacità di assimilare l’esperienza con una certa velocità. Nell’ottica del Pdl vengono meno le appartenenze storiche. Dobbiamo superare queste appartenenze che pur ci sono. Ci sono nelle identità, ma non negli uomini. Mi sembra che un giovane possa avere un’identità nuova tutta dentro il Pdl.
Se Saffioti dovesse andare a Roma, a Bergamo si riaprirà la gara per il coordinatore provinciale?
Non è detto, Saffioti potrebbe mantenerla.
Sarebbe auspicabile?
Le cose devono essere fatte bene. La questione è: Saffioti ha fatto bene o fatto male?
Me lo dica lei…
Saffiotti ha fatto bene o fatto male? Punto. Io sono abituato a guardare i risultati che non possono essere che quelli elettorali. Non dipendono certamente solo dalle questioni locali, però, sa…
Il suo giudizio sul coordinatore resta di forte perplessità?
No, assolutamente. Dico solo che nell’ultimo anno vedo un Pdl un po’ spento. Mi auguro che la candidatura possa dar forza a Saffioti per rilanciare il partito.

Pranzo segreto nel Pdl: ecco di cosa si è parlato

Carlo Saffioti BERGAMO -- Cominciano a filtrare le prime indiscrezioni sul pranzo fra gli esponenti del Pdl, ...

Sindacati e politica: fronte comune per salvare la Indesit

Antonio Misiani, parlamentare bergamasco del Pd BERGAMO -- Fuori dall’ex Borsa Merci, i campanacci e il blocco delle vie del centro ...