iscrizionenewslettergif
Poesie

“O falce di luna calante” di Gabriele D’Annunzio

Di Redazione7 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

O falce di luna calante
che brilli su l’acque deserte,
o falce d’argento, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

Aneliti brevi di foglie,
sospiri di fiori dal bosco
esalano al mare: non canto non grido
non suono pe ’l vasto silenzio va.

Oppresso d’amor, di piacere,
il popol de’ vivi s’addorme…
O falce calante, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!

“Spesso il male di vivere ho incontrato” di Eugenio Montale

foglieSeccheSpesso il male di vivere ho incontrato: era il rivo strozzato che gorgoglia, era l'incartocciarsi della foglia riarsa, ...

“Io di più non posso darti” di Pedro Salinas

elskendeIo di più non posso darti. Non sono che quello che sono. Ah, come vorrei essere sabbia, sole, ...