iscrizionenewslettergif
Sport

Show di Antonio Percassi: sogno il “Mondo Atalanta” (video)

Di Redazione1 luglio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Antonio Percassi

Antonio Percassi

BERGAMO — Un ciclone. Partenza lenta, parole che pian piano si caricano di significato e alla fine un vero e proprio spettacolo: Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta, è intervenuto a più riprese durante la presentazione di Stefano Colantuono e le sue parole pesano come macigni.

Conferme dei giocatori in rosa, nuovi innesti e poi ancora la campagna abbonamenti, il nuovo stadio e tanta voglia di Atalanta.

Queste le prime parole di Percassi nella sede del Credito Bergamasco, la conferma del passaggio ufficiale del pacchetto di maggioranza dell’Atalanta è solo la prima chicca di una lunga serie.

Presidente, l’obiettivo adesso è non mollare nessuno?
Risposta secca, idee molto chiare

Ha parlato di mercato difficile, a cosa si riferisce in particolare?
Girano pochi soldi, tutti sono impegnati a vendere e a parte le grandi della serie A sono in pochi a comprare. I conti sono lì da vedere, la retrocessione è stata devastante in termini economici e muoversi è complicato, soprattutto quando si pensa a costruire qualcosa di importante mantenendo l’intelaiatura esistente. Non terremo nessuno contro la sua volontà, ora è normale che ci siano alcune scaramucce ma noi vogliamo gente motivata anche perchè ci stiamo muovendo con degli investimenti a differenza di quasi tutte le altre compagini del campionato cadetto. Ci sono anche difficoltà nella dismissione di alcuni uomini, stiamocercando ragazzi giovani ma di prospettiva che possano diventare importanti con l’Atalanta.

Ha in mente qualche colpo ad effetto per i tifosi?
Zamagna, Corti, Spagnolo e lo stesso allenatore mi hanno indicato degli obiettivi che sono interessanti. Ci stiamo lavorando, non è facile perchè ci sono mille complicazioni che possono nascere e ora che sono passate le comproprietà inizia il mercato vero: speriamo di centrare i colpi che abbiamo in serbo. Ottimista? Io sono sempre ottimista, altrimenti non avrei comprato l’Atalanta.

Possiamo parlare di Ardemagni o si punta più in alto, ad esempio su Bianchi?
Parliamo di giovani molto promettenti, che hanno già dimostrato di poter fare gol in B ma che hanno potenzialità importanti che anche in serie A potranno dire la loro. Stiamo valutando diversi giocatori, Ruopolo è praticamente concluso e oltre ad Ardemagni potremmo anche seguire qualcun altro. Siamo vigili e teniamo d’occhio giovani anche in altri ruoli, qualcosa di importante faremo.

La situazione di Tiribocchi e degli altri uominidi maggior rilievo?
Il presidente Percassi risponde senza esitazioni.

Tutti possono partire?
E’ possibile, anche per coloro che vogliamo tenere al 100%. Ovvio che se arrivano offerte folli oppure occasioni incredibili per i giocatori qualcosa succede. Non possiamo tenere legati o inchiodati i giocatori, questo lavoro richiede massima dedizione fisica e mentale e quindi è normale che si devono capire le giuste motivazioni. Prima di cedere, comunque, dobbiamo avere pronta una valida alternativa: in caso contrario, i contratti verranno rispettati.

Per i giocatori sotto contratto, sono previsti adeguamenti?
Per quest’anno direi di no, i giocatori possono anche venire a chiedere ma non è automatico che noi si accetti. E’ come vendere una società in perdita ad un prezzo troppo alto rispetto al valore reale: prima si aspetta che le cose tornino ad andare bene e poi si pensa ad una compensazione. Abbiamo dei contratti da serie A da rispettare, è molto difficile mantenerli e nessuna squadra di serie B è nella stessa condizione.

Capitolo Abbonamenti. Può dare qualche anticipazione?
Saremo molto aggressivi sui prezzi. Vogliamo lo stadio pieno, spero e mi auguro che arrivi un segnale forte da parte di tutto il popolo bergamasco, presente o lontano che sia. Voglio che tutti dimostrino quanto amano la squadra della città, l’Atalanta è un mezzo di comunicazione formidabile che si vede in tutto il mondo. E’ un bene da proteggere, la nostra acquisizione ha l’obiettivo di aiutare anche una realtà sociale che ne aveva bisogno e per questo chiedo l’aiuto di tutti: venite allo stadio, dobbiamo essere in tanti, forti e uniti nei momenti di difficoltà. Spero nel record degli abbonamenti, i tifosi devono crederci e tutto il popolo bergamasco deve partecipare: che non ci sia nessuno che non venga allo stadio, che non porti l’amico, la fidanzata, i parenti o chi vuole. Noi stiamo lavorando per dare a tutti la possibilità di partecipare: vogliamo che sia sempre pieno.

Per ora si punta a riempire il Comunale, domani invece..
Quest’anno, lavoreremo parallelamente per lo stadio nuovo. Il progetto è interessante, lo abbiamo già in testa e personalmente immagino qualcosa che si possa chiamare il “Mondo Atalanta”. Dev’essere incredibile, una vera e propria figata (testuale, ndr): l’obiettivo è arrivare lì, il progetto che presentammo anni addietro oggi lo stanno imitando in tanti ma sicuramente faremo qualcosa di ancora più bello. Ora non parliamone, pensiamo solo a risalire: a quel punto ci si potrà divertire. Certe cose, le fai perchè le emozioni ti coinvolgono: a Bergamo, se stiamo tutti uniti, possiamo creare un gioiello e anche dal punto di vista politico penso che siano maturi i tempi.

Prima si raggiunge la serie A e poi ci si può sbizzarrire quindi..
Certo, in quel caso serivanno anche altri investimenti e qui mi rivolgo al padrone di casa. Dateci più soldi, possiamo fare grandi cose! Siamo in una banca piena di soldi, ben gestita da grandi personaggi: cacciate il grano, dateli all’Atalanta!

Fabio Gennari

Atalanta, grandi manovre in avanti: Ardemagni e Ruopolo molto vicini

Matteo Ardemagni ZINGONIA – Due centravanti aveva chiesto, due centravanti molto probabilmente avrà. Nel giorno della sua ...

Atalanta, presentato Stefano Colantuono: sono tornato a casa

Stefano Colantuono BERGAMO -- Felice, emozionato e decisamente sorridente. Stefano Colantuono è stato presentato ieri nella sala ...