iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Provincia

Bergamasco provoca incidente mortale e scappa: preso dai Carabinieri

Di Redazione25 giugno 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri in azione

I carabinieri in azione

Updated ALBINO — E’ stato catturato pochi istanti fa l’uomo che era fuggito dopo aver provocato un incidente stradale mortale a Comenduno di Albino. Contrariamente a quanto reso noto in mattinata dalle forze dell’Ordine non si tratta di un tunisino ma di un bergamasco di 40 anni che viaggiava su una Fiat Punto intestata all’extracomunitario.

L’uomo questa mattina non è riuscito a rientrare in tempo da un sorpasso azzardato e ha ucciso una donna che viaggiava con la sua auto sulla corsia opposta. Poi è scappato. L’incidente e’ avvenuto intorno alle 11.15 a Comenduno di Albino.

Stando alla ricostruzione, il bergamasco non ha fatto in tempo a rientrare nella corsia dopo un sorpasso e la sua macchina si è scontrata con quella di due signore milanesi. Lo schianto è stato molto violento. La donna alla guida, M. T., 79 anni, di Rho, è morta. L’altra è stata trasportata in ospedale dove è ricoverata in gravi condizioni.

L’uomo è scappato a piedi ed ha fatto l’autostop facendosi lasciare poco lontano; è sceso ad un incrocio dicendo che andava a chiedere aiuto. L’uomo – che pare abbia anche precedenti penali – è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Clusone. Inizialmente le ricerche si erano concentrate su un tunisino, che in effetti è l’intestatario della vettura, ma è subito emerso che l’extracomunitario è attualmente rinchiuso in un carcere.

Così i militari dell’Arma hanno attuato un depistaggio, per individuare il vero responsabile. L’uomo è stato arrestato in un paese poco distante dal luogo dell’incidente. Ora si trova in camera di sicurezza a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sul posto dell’incidente sono intervenuti, oltre al personale del 118, anche polizia locale, carabinieri e vigili del fuoco.

Nicola Radici aggredito e derubato a Milano Marittima

Nicola Radici (a sinistra) con Massimiliano Ferrari e Giorgio Jannone MILANO MARITTIMA -- E' stato aggredito e derubato di un prezioso orologio da 17mila euro ...

Duemila posti a rischio nei call center: coinvolta anche Bergamo

Duemila posti a rischio nei call center BERGAMO -- Ci sono circa duemila posti a rischio nei call center di Bergamo, Milano ...