iscrizionenewslettergif
Poesie

“Io sono l’unica il cui destino” di Emily Bronte

Di Redazione23 giugno 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Io sono l’unica il cui destino
lingua non indaga, occhio non piange;
non ho mai causato un cupo pensiero,
né un sorriso di gioia, da quando sono nata.

Tra piaceri segreti e lacrime segrete,
questa mutevole vita mi è sfuggita,
dopo diciott’anni ancora così solitaria
come nel giorno della mia nascita.

E vi furono tempi che non posso nascondere,
tempi in cui tutto ciò era terribile,
quando la mia triste anima perse il suo orgoglio
e desiderò qualcuno che l’amasse.

Ma ciò apparteneva ai primi ardori
di sentimenti poi repressi dal dolore;
e sono morti da così lungo tempo
che stento a credere siano mai esistiti.

Prima si dissolse la speranza giovanile,
poi svanì l’arcobaleno della fantasia;
infine l’esperienza mi insegnò che mai
crebbe in un cuore mortale la verità.

Era già amaro pensare che l’umanità
fosse insincera, sterile, servile;
ma peggio fu fidarmi della mia mente
e trovarvi la stessa corruzione.

“Donne appassionate” di Cesare Pavese

RED-AND-YELLOW-STRIPPED-SWMSUITLe ragazze al crepuscolo scendendo in acqua, quando il mare svanisce, disteso. Nel bosco ogni foglia trasale, ...

“Sei bella come” di Jiménez J. Ramon

tampuhan-Juan-Luna-1895Sei bella come è bello il prato tenero dietro l'arcobaleno nel tacito meriggio d'acqua e sole, come i ...