iscrizionenewslettergif
Economia

Camera di Commercio: missione in Malesia

Di Redazione15 giugno 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Kuala Lumpur

Kuala Lumpur

La Camera di Commercio di Bergamo organizza una missione commerciale multisettoriale a Singapore e in Malesia riservata alle imprese lombarde e che toccherà le città di Singapore e Kuala Lumpur dal 26 al 30 luglio 2010.

L’iniziativa prevede la realizzazione di incontri mirati (b2b) attraverso l’organizzazione di un’agenda d’incontri d’affari personalizzata con imprese locali, costruita sulla base delle specifiche esigenze espresse dalle singole imprese partecipanti e si sviluppa con la seguente metodologia:
– analisi di pre-fattibilità: per ogni impresa partecipante si valutano le opportunità di massima e la fattibilità della ricerca, in relazione alle caratteristiche dell’impresa stessa e del prodotto. Se da tale prima verifica non emergono significative potenzialità, il contratto di partecipazione è annullato.
– ricerca di mercato a cura di trade analyst locali;
– missione imprenditoriale: i partecipanti ricevono l’agenda d’affari con gli appuntamenti fissati e incontrano, accompagnati da un interprete, le potenziali controparti presso le loro sedi, se necessario con l’assistenza di un interprete, per discutere le opportunità di business.
Durante tutte le fasi del progetto missione è garantita l’assistenza di un funzionario camerale
Inoltre, grazie ad un contributo a fondo perduto erogato da Camera di Commercio e Regione Lombardia, il costo di partecipazione a carico delle imprese partecipanti è estremamente ridotto.

Singapore e la Malesia, mercati strategici per i flussi commerciali e finanziari verso i Paesi del Sud Est Asiatico e del Pacifico, attraverso politiche di incentivi agli investimenti e di apertura agli scambi con l’estero, sono riusciti a raggiungere alti livelli di sviluppo economico accompagnati da una stabile situazione politica.

Entrambi i Paesi hanno fatto dell’investimento nelle nuove tecnologie (in particolare in Singapore: biotecnologie, biomedicali e nanotecnologie; in Malesia: elettronica ed energie alternative) la chiave del proprio dinamismo e della propria crescita e hanno raggiunto alti livelli di specializzazione, puntando sulla ricerca e sull’innovazione scientifica.

Nonostante la crisi globale, resta alto il potenziale economico di Singapore, internazionalmente riconosciuto come uno degli hub economici e finanziari più importanti al mondo. La Città Stato può infatti vantare il Pil procapite più alto dell’Asia.

Singapore mantiene quelli che sono i suoi punti di forza (stabilità politica, attenzione ed equilibrio delle politiche fiscali e monetarie, buone finanze pubbliche, elevata capacità di spesa dei consumatori) e conserva il suo ruolo di preminenza nei settori dell’alta tecnologia e del lusso. Grazie alla sua eccellente posizione geografica, Singapore è considerata la porta verso la Cina, l’India nonché verso i Paesi del sud-est asiatico.

Nel secondo semestre del 2009 l’economia malesiana ha segnato una decisa inversione di tendenza ed e’ uscita dalla recessione che l’aveva colpita nella prima parte dell’anno. Dopo tre trimestri consecutivi in rosso, infatti, il PIL della Malesia ha registrato un rialzo, contenendo così la recessione dell’intero anno, limitata al -1,7%. Sembra che il Paese sia uscito dalla crisi mondiale e si stia avviando verso una crescita abbastanza sostenuta. Sostanzialmente tutti i settori, fatta eccezione di quello del minerario, hanno registrato performance positive nell’ultimo trimestre dell’anno. Il quarto trimestre 2009 ha visto anche una decisa ripresa nell’interscambio commerciale Malesia-mondo. La Malesia, che è il secondo partner dell’Unione Europea nei Paesi Asean, ha avviato il dialogo per la firma di un accordo di libero scambio con l’UE.

Per tutti i dettagli consultare la circolare dell’iniziativa scaricabile dal sito camerale alla voce “EsteroNews – Iniziative”. Lo sportello camerale LombardiaPoint è a disposizione per informazioni (ref. Raffaella Castagnini, tel 035 4225.259, e-mail lombardiapoint.bergamo@bg.camcom.it).

Tremonti: un labirinto di leggi blocca l’economia

Giulio Tremonti In Italia c'è una "quantità impressionante e crescente di regole" che bloccano l'economia. Ospite ...

La Fiom: Indesit gode degli incentivi statali e poi licenzia

La bandiera della Fiom Cgil BERGAMO -- Ecoincentivi dallo Stato e poi licenziamenti di centinaia di persone. E' questa in ...