iscrizionenewslettergif
Poesie

“Candele” di Costantino Kavafis

Di Redazione10 giugno 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Stanno i giorni futuri innanzi a noi
come una fila di candele accese –
dorate, calde e vivide.

Restano indietro i giorni del passato,
penosa riga di candele spente:
le più vicine danno fumo ancora,
fredde, disfatte e storte.

Non le voglio vedere: m’accora il loro aspetto,
la memoria m’accora del loro antico lume.
E guardo avanti le candele accese.

Non mi voglio voltare, ch’io non scorga, in un brivido,
come s’alluga presto la tenebrosa riga,
come crescono presto le mie candele spente.


“Vita” di Lars Gustafsson

lill_La vita scorre attraverso il mio tempo, e io, un volto non rasato, dove le rughe sono ...

“La cometa” di Maria Luisa Spaziani

Donatis-Comet-1858Quel mio amore per lui aveva ali di cera lunghe le ali sembravano eterne battevano ...