iscrizionenewslettergif
Sport

Re? Papa? Percassi accende la fantasia dei tifosi

Di Redazione4 giugno 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Percassi, il nuovo re atalantino

Percassi, il nuovo re atalantino

BERGAMO – Il papa? Oppure il re? E’ bastata la conferma di una trattativa ormai definita per scatenare la fantasia dei tifosi atalantini. Dopo la marea di sorrisi ammirati durante la camminata, sul social network più famoso del mondo Facebook sono comparse un paio di immagini veramente esilaranti.

Il volto di Antonio Percassi, nuovo presidente atalantino, è stato abilmente associato alle vesti papali: magia del fotoritocco, la tanto agognata fumata bianca ha ufficializzato l’investitura del nuovo punto di riferimento nerazzurro. Fantastico.

Lo stesso autore si è poi sbizzarrito anche con la versione “regale” dell’Antonio Presidente: mantello rosso sulla schiena, corona in testa e stemma dell’Atalanta in bella vista.

Due immagini davvero curiose, ce ne sarebbero anche altre che raffigurano la caduta del vecchio gruppo dirigente dentro splendidi affreschi di caratura mondiale ma ci fermiamo qui.

Semplice esaltazione del nuovo che avanza? No, signori miei. La dimostrazione che questa gente, i bergamaschi dell’Atalanta, hanno un cuore zeppo d’amore che ha solo bisogno di essere sostenuto. Spronato. Eccitato. Un altro esempio? Pensate allo striscione esposto appena dopo la partenza della Camminata Nerazzurra: “A guardia di una fede”. Si muovono con il cuore, tutti quanti. Antonio Percassi accende, nonostante la serie B, speranze e fantasie. Inimmaginabili, fino a poche settimane or sono.

Antonio Percassi in vesti papali

Antonio Percassi in vesti papali

Fabio Gennari


Giornata da brivido, ma alla fine l’Atalanta è di Antonio Percassi

Antonio Percassi BERGAMO – L'attesa è finita. Un quarto d’ora dopo la mezzanotte del 4 giugno 2010, ...

Tennis Vip: i risultati della nona giornata

Alberto Malesani al Tennis Vip CIVIDINO -- Il cielo è azzurro lindo,  ma è il rosa d’Italia a far tappa ...