iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’incostante” di Pablo Neruda

Di Redazione31 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Gli occhi mi corsero
dietro una bruna che passava.

Era di madreperla nera,
era d’uva scura,
e mi sferzò il sangue
con la sua coda di fuoco.

Dietro tutte
vado.

Passò una chiara bionda
come una pianta d’oro
dondolando i suoi doni.
E la mia bocca andò come in un’onda
scaricando sul suo seno
lampi di sangue.

Dietro tutte vado.

Ma a te, senza muovermi,
senza vederti, te distante,
vanno il mio sangue e i miei baci,
bruna e bionda mia,
alta e piccola mia,
ampia e sottile mia,
mia brutta, mia bellezza,
fatta di tutto l’oro
e di tutto l’argento,
fatta di tutto il frumento
e di tutta la terra,
fatta di tutta l’acqua
delle onde marine,
fatta per le mie braccia,
fatta per i miei baci,
fatta per l’anima mia.


“I rumori dell’alba” di Sandro Penna

Italy-Perugia-rooftops-LRCome è forte il rumore dell'alba! Fatto di cose più che di persone. Lo precede talvolta un ...

“Conosco delle barche” di Jacques Brei

Rockport-Boats-xx-UnspecifiedConosco delle barche che restano nel porto per paura che le correnti le trascinino via con troppa ...