iscrizionenewslettergif
Poesie

“Tre fiammiferi accesi” di Jacques Prévert

Di Redazione27 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte
Il primo per vederti tutto il viso
Il secondo per vederti gli occhi
L’ultimo per vedere la tua bocca
E tutto il buio per ricordarmi queste cose
Mentre ti stringo fra le braccia.


“Cupido” di Johann Wolfgang Goethe

jean_leon_gerome_016_Painting_Breathes_Life_into_Sculpture_1893Cupido, monello testardo! m'hai chiesto un riparo per poche ore, e quanti giorni e notti ...

“I rumori dell’alba” di Sandro Penna

Italy-Perugia-rooftops-LRCome è forte il rumore dell'alba! Fatto di cose più che di persone. Lo precede talvolta un ...