iscrizionenewslettergif
Poesie

“Cupido” di Johann Wolfgang Goethe

Di Redazione26 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Cupido, monello testardo!
m’hai chiesto un riparo per poche ore,
e quanti giorni e notti sei rimasto!
Adesso il padrone in casa mia sei tu!

Sono scacciato dal mio ampio letto;
sto per terra, e di notte mi tormento;
il tuo capriccio attizza fiamma su fiamma nel fuoco,
brucia le scorte d’inverno e arde me misero.

Hai spostato e scompigliato gli oggetti miei,
io cerco, e sono come cieco e smarrito.
Strepiti senza ritegno, e io temo che l’animula
fugga via per sfuggire te, e abbandoni questa capanna.


“Ah tu non resti” di Mario Luzi

4231025950_cf9868e256Ah tu non resti inerte nel tuo cielo e la via si ripopola d'allarmi poiché la tua ...

“Tre fiammiferi accesi” di Jacques Prévert

3-fiammiferiTre fiammiferi accesi uno per uno nella notte Il primo per vederti tutto il viso ...