iscrizionenewslettergif
Psicologia

Quando il maltempo mette ko l’umore

Di Redazione19 maggio 2010 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sotto la pioggia

Sotto la pioggia

Pessimo umore. Irritabilità, nervosismo, ma anche stanchezza, sonnolenza, svogliatezza. Sono 5 milioni gli italiani che soffrono di meteopatia. A conti fatti si tratta dell’ per cento della popolazione. E a soffrirne maggiormente sono le donne.

Non si tratta certo di una malattia immaginaria: si chiama “spring-blues”, cioè depressione primaverile. “Non è un falso mito, il meteo influenza davvero l’ umore – spiega Patrizia Frongia, psicologa e psicoterapeuta – perché ogni mattina la luce del sole agisce come un orologio che sincronizza i nostri ritmi sonno-veglia, favorendo il rilascio di alcuni ormoni come la serotonina, la dopamina e la noradrenalina”. Tutto accade nel cervello in cui “la luce percepita dalla retina dei nostri occhi invia input” che influenzano reazioni essenziali per il benessere psicofico.

Al malumore si associano spesso sintomi più e meno importanti. Accade a chi soffre di patologie cardiache o muscolo-scheletriche, malattie cronico-degenerative e ulcere. Per fortuna però i malesseri dovuti al cambio di stagione non durano più di 3-4 giorni. Nel caso in cui invece “perdurano sintomi come sonnolenza, assenza di energia, tendenza ad evitare la vita sociale, calo del desiderio sessuale, bassa produttività e facile distraibilità, l’aumento di appetito specialmente per i carboidrati- spiega Frongia- allora ci potrebbe essere qualcosa che non va e in questo caso può essere utile una consulenza psicologica”.


Tutti i perché del déjà vu

L'esperienza del déjà vu Il déjà vu, la sensazione di avere già visto qualcosa che appare ai nostri occhi ...

Marito giovane? Più stress e meno anni di vita per lei

Demi Moore e Ashton Kutcher: lui molto più giovane di lei Se in coppia lui è il più giovane, sarà certamente lei a rimetterci. È quanto ...